Arup per l’headquarter di Chiesi Group a Parma

L’headquarter del Gruppo Chiesi è una “casa” innovativa, sostenibile e a misura d’uomo, primo edificio nella sua categoria certificato “LEED Platinum” in Italia. Arup ha aiutato l’azienda farmaceutica italiana a progettare una sede centrale intelligente a zero emissioni di anidride carbonica, che mettesse al primo posto la salute, il benessere e il comfort dei dipendenti.

L’headquarter è alle porte della città di Parma e ospita circa 540 persone degli uffici direzionali del Gruppo, attualmente presente con proprie filiali in 30 Paesi nel mondo. Costruito su una superficie di 46.300 m2– riqualificando un’area industriale dismessa senza alcun consumo di suolo agricolo – il nuovo Headquarters Chiesi rappresenta il primo passo di un percorso virtuoso avviato dall’azienda per tutte le proprie sedi in Italia e nel mondo. Si tratta del Programma Better Building incentrato sul miglioramento della sostenibilità dei siti aziendali in un’ottica di benessere delle persone e delle comunità, oltre che nel rispetto della salute del Pianeta.

Sulla base di analisi avanzate della luce diurna naturale, dell’acustica, della qualità dell’aria, della temperatura e della selezione dei materiali, Arup ha progettato un edificio dal comfort e dal controllo ambientale ottimali, grazie anche al sistema di ombreggiamento per facciate completamente automatizzato.

Un risparmio energetico del 40% è stato ottenuto grazie alla progettazione della facciata, il cui aspetto varia in base al suo orientamento (la facciata a Sud è più voluminosa), all’ adozione di un’illuminazione intelligente con ampio uso di sensori di presenza e luce diurna, ampio uso di pannelli solari, acquisto di energie rinnovabili. Sulla base di queste soluzioni progettuali, l’edificio net zero-ha ricevuto una certificazione LEED Platinum, il gradino più alto del rating system internazionale di sostenibilità degli edifici promosso dal Green Building Council e rilasciato dall’ente certificatore americano Green Business Certification Inc.

Ogni stanza include sensori di CO2 per controllare che la concentrazione rimanga al di sotto dei livelli accettabili, mentre tutte le finiture interne sono state scelte per ridurre al minimo la concentrazione di composti organici volatili (VOC) e il riverbero del suono.

I tetti verdi, grandi aree verdi piantumate con limitato fabbisogno idrico, danno un contributo positivo all’ambiente naturale circostante e alla biodiversità locale, con una riduzione del consumo idrico stimata in fase di progettazione del 30%. Oltre il 90% dei rifiuti da costruzione del cantiere è stato correttamente riciclato, garantendo il controllo dell’erosione del suolo e della sedimentazione delle polveri.

Integrando i servizi di costruzione, la progettazione strutturale e architettonica, l’edificio è stato progettato per essere flessibile e per soddisfare una varietà di configurazioni, inclusa la futura possibile espansione attraverso l’aggiunta di una terza ala. Il cambiamento climatico e le forze sismiche e del vento sono solo alcuni degli aspetti che sono stati considerati durante la progettazione per fornire un edificio resiliente.

L’Headquarters è il primo edificio nel suo genere, categoria LEED BD+C v.4 New Construction, ad aver raggiunto il livello Platinum in Italia ed è tra i primi 35 edifici al mondo. Un importante traguardo, simbolo dell’impegno concreto dell’azienda verso la riduzione progressiva degli impatti ambientali, sia in fase di progettazione che di costruzione. Un passo significativo verso l’obiettivo di raggiungere la Carbon Neutrality entro il 2035.

 

L’Headquarters Chiesi, il cui giardino è parte del “KilometroVerdeParma”, un corridoio alberato sull’autostrada A1 nato per riqualificare l’ambiente di uno dei tratti stradali più trafficati d’Europa, è stato sviluppato sulla base di tre pilastri principali – persone, innovazione e sostenibilità – chiedendo ai dipendenti, tramite workshop interni, desideri, necessità e aspettative che, dopo un’attenta valutazione e selezione, sono stati inseriti nel progetto per la realizzazione del nuovo edificio.

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, lavora da molti anni nell’editoria B2B per la stampa tecnica e specializzata. Ha scritto a lungo di tecnologia, business e innovazione. Oggi orienta la sua professione nel campo delle tecnologie applicate alla progettazione architettonica e all’imprenditoria delle costruzioni.