In BIM l’Università di Manchester

Lo studio NG Bailey è in fase di completamento del suo lavoro MEP per il Manchester Engineering Campus Development (MECD) in cui BIM ha giocato un ruolo chiave.

NG Bailey è stato incaricato dalla committenza Balfour Beatty, per conto dell’Università di Manchester, di fornire servizi MEP per tutto il progetto, che sarà il più grande campus di una facoltà di ingegneria del Regno Unito ed è il più grande progetto di costruzione che l’università abbia mai intrapreso.

Una volta completato, il MECD diventerà la sede di quattro delle scuole di ingegneria dell’Università e due istituti di ricerca della Facoltà di Ingegneria e Scienze fisiche. Il progetto si sviluppa su otto piani per una superficie totale di 76mila m² che accoglierà oltre 7.800 persone tra studenti e personale.

“Considerando le dimensioni del progetto – racconta Martin Hardman, divisional digital engineering manager di NG Bailey – volevamo avere un approccio BIM che consentisse livelli ottimali di collaborazione. Abbiamo utilizzato Autodesk 360 per condividere e lavorare ai nostri modelli BIM in modo tale che tutte le professionalità coinvolte potessero avere a disposizione file sempre aggiornati in tempo reale”.

L’Università ha espressamente chiesto di ottenere un modello BIM e i dati associati per le future attività di Facility Management. Il team di progetto ha visto la partecipazione di 300 ingegneri e 38 operativi BIM dedicati. Questo ha comportato un numero considerevole di tavole e modelli e lo sforzo maggiore è stato quello di avere un modello unico centrale di al massimo 500 MB che potesse essere consultato e modificato da tutti.

Il BIM è una parte incredibilmente importante del nostro approccio progettuale in NG Bailey – continua Hardman – e negli anni ne abbiamo davvero visto i vantaggi tangibili in una serie di progetti diversi. Il progetto del MECD però ci ha costretto a rivedere il nostro approccio al BIM  per lo sviluppo di un modello di grandi dimensioni gestibile e condivisibile”.

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e nuove iniziative da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.