Il futuro di Milano secondo Carlo Ratti Associati

L’ex area Expo 2015 di Milano sarà trasformata in un Parco della Scienza del Sapere e dell’Innovazione. Lo studio Carlo Ratti Associati e il gruppo australiano di real estate Lendlease si sono, infatti, aggiudicati il concorso internazionale la trasformazione di quest’area con un progetto avveniristico immerso nel verde.

Su una superficie di oltre 1 milione di m²  nascerà a Milano un quartiere dedicato all’innovazione con uffici, centri ricerca, aree verdi e sarà anche il primo quartiere progettato per veicoli con guida autonoma. Arexpo, la società a prevalente capitale pubblico che è proprietaria dell’area nella zona nord-ovest di Milano ha scelto questo progetto per il suo obiettivo di creare una sorta di città-giardino all’avanguardia. Parte fondamentale del progetto sarà il Parco Lineare, lungo oltre 1500 metri  e che occuperà lo spazio che un tempo ospitava il decumano dell’are EXPO e che sarà un parco tra i più grandi d’Europa.

Il progetto punta in questo modo a diventare un nuovo punto di partenza per i processi di trasformazione urbana, pianificando lo sviluppo di un quartiere verde dotato di spazi pubblici vitali e realizzando un approccio open source, cioè aperto e inclusivo: gli edifici dell’area potranno ad esempio essere riconfigurati e cambiare la propria destinazione adattandosi ai bisogni di chi li abita.

 

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e nuove iniziative da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.