Il BIM come motore dell’innovazione in edilizia

Le strategie più urgenti da mettere in campo per promuovere lo sviluppo e l’innovazione nel settore delle costruzioni sono state al centro dell’incontro che si è svolto nei giorni scorsi presso la sede del dicastero dello Sviluppo economico tra il ministro Carlo Calenda e il presidente dell’Ance Claudio De Albertis. Il ruolo prioritario dell’edilizia nell’economia circolare, la necessità di promuovere e favorire la digitalizzazione del settore e gli strumenti finanziari per la crescita e la capitalizzazione delle imprese sono stati i temi prioritari affrontati nel dialogo, nel corso del quale è stato consegnato al ministro un documento di proposte di politica industriale per la competitività delle costruzioni messo a punto dall’Associazione. Economia circolare, efficienza energetica, utilizzo del BIM e minibond alcuni fra i temi ritenuti prioritari dall’Associazione. Per quanto riguarda in particolare il Building Information Modeling (BIM), è stato innanzitutto sottolineato come questo approccio renda possibile la rappresentazione digitale dell’opera lungo il suo intero ciclo di vita, dalla progettazione, alla realizzazione, alla manutenzione, alla dismissione. A differenza che in altri Paesi europei, l’Ance ha sottolineato che in Italia siamo ancora all’inizio. Serve quindi una strategia nazionale per il BIM da adottare a livello governativo. Questo significa non solo fissare obblighi legislativi, ma anche investire economicamente sul BIM per accompagnare e sostenere la transizione del mondo produttivo. Il presidente De Albertis ha ricordato che il progetto INNOVance, tra i vincitori del Bando Industria 2015 sull’efficienza energetica, prevede una piattaforma collaborativa di gestione delle informazioni di filiera: dal prodotto “componente” (cemento, finestra, caldaia, ecc.) al prodotto “risultante” (edificio, infrastruttura), passando per la gestione informativa dei mezzi e delle attrezzature, delle risorse umane, delle lavorazioni e della sicurezza. Il prototipo della piattaforma è stato realizzato ed è funzionante. Per la messa online è necessario un investimento di altri 4 milioni di euro.

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, specializzato nel settore delle costruzioni, si occupa dai primi anni ’90 di tecnologie applicate alla progettazione e al cantiere. Ha all’attivo numerose pubblicazioni e collaborazioni con le principali testate di settore relative a tecniche costruttive, progettazione 3D, organizzazione e gestione dei processi di cantiere.