John Sisk si affida al BIM per realizzare il data center di Malmö

John Sisk & Son, storica impresa di costruzioni del Regno Unito, sta realizzando un nuovo data center a Malmö, in Svezia. L’adozione delle migliori pratiche BIM è stata fondamentale per rispettare il programma di costruzione senza problemi durante la pandemia Covid-19. Il Multinational Data Center ospiterà e gestirà una vasta gamma di reti e server per un’enorme elaborazione e archiviazione dei dati.

Il team di John Sisk & Son ha quasi 40 anni di esperienza e ha messo a disposizione il suo know how in fatto di digitalizzazione del progetto. Il team ha dovuto affrontare la sfida di un programma lavori dal ritmo serrato e di una fase di costruzione i cui tempi hanno dovuto accelerare a causa del Covid-19. Alle complessità legate a una infrastruttura all’avanguardia come quella di un data center si sono aggiunte quelle legate causate dalla pandemia, che ha portato i membri del team a collaborare a distanza.

Il processo di aggregazione dei modelli BIM del team di progettazione è stato automatizzato integrando lo strumento di rilevamento delle interferenze Navisworks con BIM 360. L’approccio BIM basato su cloud ha aiutato a ottimizzare la progettazione e a risolvere tutti i problemi, contribuendo a ridurre significativamente il rischio di imprevisti in cantiere. Il team di Sisk ha creato dashboard che memorizzavano report sulle interferenze in tempo reale, per monitorare i progressi settimanalmente, con un conseguente aumento dell’efficienza del 50% nel processo di gestione BIM rispetto ai metodi manuali tradizionali.

“Ogni azienda del settore edile è stata in qualche modo influenzata dal Covid-19. Abbiamo scelto di implementare piattaforme basate su cloud di Autodesk per consentire un ambiente di lavoro collaborativo, non avere interruzioni durante la pandemia e mantenere la produttività utilizzando Autodesk BIM 360 da più località in tutta Europa”, afferma Warren Judge, responsabile BIM – data center di Sisk. Utilizzando BIM 360, il progetto è continuato senza interruzioni in Svezia durante la pandemia Covid-19.

L’appaltatore ha inoltre posto una grande attenzione affinché le informazioni potessero essere utilizzate in modo efficace durante tutto il progetto e il ciclo di vita del data center. Vista l’enorme quantità di servizi elettrici presenti nel data center di Malmö, Sisk si è affidata al BIM per un coordinamento, una prefabbricazione e un’installazione efficienti. Ad esempio, ogni singola staffa che supporta i portacavi elettrici è stata contrassegnata con la sua posizione esatta nel modello BIM.

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, lavora da molti anni nell’editoria B2B per la stampa tecnica e specializzata. Ha scritto a lungo di tecnologia, business e innovazione. Oggi orienta la sua professione nel campo delle tecnologie applicate alla progettazione architettonica e all’imprenditoria delle costruzioni.