Il Louvre Abu Dhabi parla il linguaggio del BIM

Porta la prestigiosa firma di Jean Nouvel il Louvre Abu Dhabi, annunciato nel 2007 e frutto di un accordo internazionale tra Abu Dhabi e il governo francese, inaugurato lo scorso novembre. L’opera dell’architetto francese si presenta come un arcipelago di edifici sormontato da una cupola d’argento, adagiato su passeggiate esposte al vento e affacciate sul mare nell’isola di Saadiyat, concepito per mostrare l’eccellenza dell’arte nazionale e internazionale ai cittadini di Abu Dhabi e ai visitatori provenienti da tutto il mondo in una serie di spazi nei quali l’esperienza museale tradizionale viene dinamicamente reinventata.

La struttura museale è la realizzazione del primo di una serie di progetti concepiti dalla società TDIC per l’Isola di Saadiyat (che significa “felicità”), che comprende lo Zayed National Museum e il museo Guggenheim di arte moderna progettato da Frank Gehry, e coniuga sofisticata tecnica ingegneristica e creatività con il processo iterativo del BIM. Come sottolineato da Andy Pottinger, ingegnere strutturista e direttore associato di BuroHappold, società internazionale di engineering coinvolta nel progetto, “la prima svolta è avvenuta riducendo da cinque a quattro il numero di pilastri perimetrali a supporto della cupola, mentre l’intuizione vincente è nata con la modifica del motivo decorativo di acciaio per adeguarlo alla complessa geometria a otto strati della copertura, in sintonia con la visione dell’architetto”. La cupola, costellata di 7.850 “stelle”, incastonate secondo una trama di elementi d’acciaio replicati in diverse dimensioni e angolature, crea la percezione di una casualità apparente nella logica del complesso disegno geometrico. La struttura stessa diventa parte integrante dell’effetto a pioggia di luce voluto da Nouvel, in cui i raggi di sole sembrano piovere dal cielo.

Per garantire la staticità delle 7.500 tonnellate della cupola è stato necessario stabilire regole chiare. Dopo aver effettuato le prove di resistenza e ottimizzazione mediante le tecnologie di simulazione Ansys e il software di analisi strutturale Robot Structural Analysis Professional di Autodesk, il team di Pottinger ha creato un modello della geometria definitiva della cupola in Revit per generare i disegni contenenti la dimensione di ciascun singolo componente, per ognuno degli 11.000 elementi. L’impresa austriaca Waagner-Biro è riuscita a gestire una complessa sequenza costruttiva durata cinque anni che ha richiesto l’erezione di 120 torri temporanee.

Le gallerie e le sale espositive del museo sono sviluppate secondo una disposizione ispirata al tradizionale suk arabo. Questa superstruttura ha le sembianze di un villaggio con i suoi 40 e più edifici indipendenti che sembrano galleggiare, ma che in realtà sono sostenuti da circa 4.500 piloni in calcestruzzo e acciaio fondati sulla roccia 11 metri sotto il livello dell’acqua. Grazie alla modellazione BIM è stato creato un modello in scala destinato a testare la forza fisica delle onde. Ciò ha determinato la geometria del perimetro e la posizione delle insenature e dei frangiflutti in cemento. Le piscine a sfioro assicurano che l’acqua raggiunga esattamente il cuore del museo sotto la cupola

Summary
Il Louvre Abu Dhabi parla il linguaggio del BIM
Article Name
Il Louvre Abu Dhabi parla il linguaggio del BIM
Description
Porta la prestigiosa firma di Jean Nouvel il Louvre Abu Dhabi, annunciato nel 2007 e frutto di un accordo internazionale tra Abu Dhabi e il governo francese, inaugurato lo scorso novembre.
Author

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, specializzato nel settore delle costruzioni, si occupa dai primi anni ’90 di tecnologie applicate alla progettazione e al cantiere. Ha all’attivo numerose pubblicazioni e collaborazioni con le principali testate di settore relative a tecniche costruttive, progettazione 3D, organizzazione e gestione dei processi di cantiere.