UNStudio vince il concorso Unipol a Bruzzano, Milano

UNStudio, con la affiliata UNSense, sono i vincitori della competizione promossa da Unipol per un’area a Bruzzano, Milano, un nuovo quartiere urbano intergenerazionale dedicato alla salute. Oggetto del concorso un sito di 135mila metri quadrati sul quale è previsto un insediamento di 76mila mq di superficie. Un masterplan con un mix funzionale che include residenze, negozi e attività e servizi per il cosiddetto settore “Healthcare”.

UNStudio, che adotta di default il BIM per i suoi progetti, ha lavorato in partnership con SBGA come local design partner, con Systematica per la mobilità, Land per il paesaggio, Manens-Tifs per la sostenibilità e Gad per il controllo dei costi. La parte visual è di Drama.

“L’obiettivo della nostra proposta” – hanno dichiarato da UNstudio sui loro canali web – “è quello di imparare dalle condizioni esistenti, e trasformarle in opportunità, dando forma ad un nuovo quartiere con una forte identità e un maggiore senso di sicurezza e protezione. Il progetto UNStudio per il masterplan di Bruzzano si propone di incentivare la crescita di una nuova comunità dove salute, natura e persone siano al centro del progetto urbano. Mriamo ad avviare una nuova rinascita della vita urbana di periferia, incentrata sul benessere e su una vita sana”.

Il progetto guarda allo sviluppo di un ambiente costruito che influisca su decisioni comportamentali sane e spazi pubblici che promuovano emozioni positive. Il masterplan di UNStudio integra natura e vita umana, ma anche le diverse fasce generazionali e sociali, con l’intenzione di ampliare la diversità. Ancora, si pensa all’idea di “Comunità di cura” che sappiano integrare una vita sana, l’assistenza sanitaria, la tecnologia e le connessioni con la comunità. La presenza di un ospedale sul sito, ad esempio, innesca il concetto di una cosiddetta “Care Community” basata su salute, cura e benessere: una qualità sociale della vita inedita, e che può essere definita dalla progettazione urbana (e che fa tesoro delle riflessioni del post-pandemia).

 

mm

Lavoro nel settore della comunicazione b2b da alcuni anni sia per testate giornalistiche che agenzie di comunicazione. Focus della mia attività è il confronto quotidiano con le nuove modalità di gestione ed elaborazione delle informazioni, le nuove tecnologie digitali, le trasformazioni in corso nelle professioni e nell’industria.