Academy Museum of Motion Pictures a Los Angeles

Realizzato per celebrare il cinema e la sua storia, l’Academy Museum of Motion Pictures è un museo fondato a Los Angeles dall’Academy of Motion Picture Arts and Science organizzazione onoraria creata negli anni ’20 per sostenere lo sviluppo dell’industria cinematografica nazionale. Situato all’incrocio tra Wilshire Boulevard e Fairfax Avenue, sulla cosiddetta “museum row” nel quartiere di Miracle Mile di Los Angeles, il museo è stato soggetto ad una completa ristrutturazione. La sua sede in un ex magazzino del 1939 è stata completamente riprogettata dallo studio di architettura Renzo Piano Building Workshop. I lavori sono iniziati nel 2012 quando lo studio RPBW ha vinto il concorso per l’assegnazione del progetto e negli anni ha subito diverse vicissitudini che hanno portato a numerosi ritardi. Recentemente però è stata finalmente definita la data di inaugurazione che sarà il 14 dicembre del 2020.

Il progetto
Il disegno progettuale nasce dall’idea di realizzare un museo in grado di essere contemporaneamente “immersivo, sperimentale, educativo e divertente”, ma anche un centro cinematografico all’avanguardia. Per questo motivo il progetto non si è limitato alla ristrutturazione dell’edificio orioginale realizzato secondo lo stile tipico americano degli anni ’30 definito “Streamline Moderne” ma ha anche interessato il suo ampliamento con la realizzazione di una grande edificio sferico. “La nuova struttura, l’edificio sfera, è un volume che pare sollevarsi da terra verso quel perpetuo viaggio immaginario attraverso lo spazio e il tempo che è il cinema.” ha dichiarato Renzo Piano.
L’espansione è, appunto, una grande costruzione sferica che culmina in una terrazza panoramica coperta da una cupola trasparente, e contiene un auditorium da mille posti.
Spazi dinamici e versatili sono stati concepiti dai progettisti per accogliere le numerose funzioni incluse nel programma museale, che prevede una combinazione di gallerie per esposizioni temporanee, spazi riservati alla presentazione della collezione permanente, teatri e sale di proiezioni destinati ad anteprime cinematografiche, incontri con registi e attori, live performances, lectures ed eventi anche a misura di bambino.
Il Dolby family terrace, situato in cima allo Sphere Building, grazie alla sua cupola di vetro permetterà ai visitatori di godere di una spettacolare vista panoramica sulle colline di Hollywood, estesa da Westwood a East Los Angeles.
Il progetto museale permetterà al quartiere di miracle mile di diventare un punto di riferimento culturale in città e meta per appassionati e studiosi di cinema di tutto il mondo.

Il BIM nel progetto
Uno degli obiettivi principali del BIM è stato il coordinamento multidisciplinare. Lo scambio e l’aggiornamento costante dei modelli tra i diversi team di progettazione ha permesso di migliorare la qualità del design.
Grazie all’utilizzo del BIM in questo progetto molto complesso è stata possibile lo scambio di dati del modello progettuale tra tutti i diversi software e applicativi coinvolti assicurando elevata adattabilità e riducendo le possibilità di errore.  Il più grande vantaggio che lo studio RPBW ha riscontrato nell’utilizzo di questa metodologia è stato quello di riuscire a lavorare tutti assieme in un ambiente condiviso. Grazie al BIM si può, infatti, avere un maggiore coordinamento con le diverse parti che concorrono alla creazione del progetto ottimizzando la gestione dei flussi di lavoro e rendendo condivisibili le scelte tecniche ed evidenzia eventuali incongruenze. Attraverso un modello 3D informativo è stato possibile verificare le possibili interferenze e risolvere i problemi prima di arrivare alla fase di costruzione.
Lo studio RPBW oltre all’utilizzo delle nuove tecnologie mantiene anche il metodo della “bottega”, che risulta essere il vero strumento progettuale di studio. Modelli fisici, bassorilievi, disegni a mano, caratterizzano questo processo ed è così che, la necessità di inserire il BIM all’interno di una tradizione più che radicata, risulti essere una vera e propria “ricerca” che parte dall’otimizzazione dei processi allo sviluppo di nuove tecniche di Vitual Reality per la presentazione dei progetti ai dettagli sviluppati in ambiente BIM.

Il progetto in breve
Tipologia: Museo
Progetto: Academy Museum of Motion Pictures
Luogo: Los Angeles
Committente: Academy of Motion Picture Arts and Sciences (AMPAS)
Progettazione architettonica: RPBW in collaborazione con Gensler e SPF
Team di progettazione: M. Carroll, S. Scarabicchi (partners in charge), L. Priano (associate in charge)
Engineering: Knippers Helbig Advanced Engineering
Anno: 2012 – in costruzione

 

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e nuove iniziative da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.