Adam Matthews: il settore AEC è sempre più digitale

Bimportale ha intervistato Adam Matthews per avere il suo punto di vista sullo sviluppo del BIM. Adam Matthews è Head of International for the UK’s Centre for Digital Built, una collaborazione tra il governo, l’industria e il mondo accademico del Regno Unito che promuove l’adozione del digitale nell’ambiente costruito. Il team internazionale si collega e collabora con i governi di tutto il mondo sul tema dell’agenda digitale e in particolare sullo sviluppo del Building Information Modeling. Adam lavora con 25 paesi in Europa, America Latina, Stati Uniti e Asia per sensibilizzare i governi sulle strategie nazionali e sui modi per incoraggiare la digitalizzazione del settore edile a livello globale. Membro principale del BIM Task Group del Regno Unito, è coautore della UK Government’s BIM Strategy (2011) strategia BIM del governo britannico ed ha progettato il metodo del programma BIM nazionale del Regno Unito (2017). Membro fondatore e presidente del EU BIM Task Group (2015-2018); e autore principale del “Manuale per l’introduzione del BIM” 2017 dell’European BIM Task Group. MBA in politica e sostenibilità del settore edile, Adam è ricercatore MBCS (Regno Unito) e DBA presso la Cranfield School of Management.

Cosa l’ha portata al BIM?
Devo dire che sono state le persone. Ho intrapreso un progetto nel Regno Unito nel 2008 per spiegare come il BIM potesse aiutare il settore a evolversi, quindi ho iniziato incontrando architetti (David Miller Architects a Londra) e appaltatori (Balfour Beatty e Laing O’Rourke) per scoprire cosa vedevano nel BIM. Sono state le persone e la loro passione per questa rivoluzione digitale del mondo delle costruzioni che mi hanno ispirato a iniziare il mio percorso e ad “entrare nel BIM”.

Secondo lei quali sono i vantaggi dell’utilizzo del BIM?
Organizzativo, nazionale e potenzialmente globale. Dobbiamo vedere il BIM come il cuore della trasformazione digitale del settore delle costruzioni. Abbiamo bisogno di migliori capacità di gestione delle informazioni se vogliamo far progredire l’intensità digitale del settore. E l’ISO 19650 è un fattore abilitante cruciale per questo. Se il BIM migliora la produttività del settore delle costruzioni del 10%, alcune ricerche suggeriscono che il PIL aumenterebbe del 2,5% e il divario infrastrutturale globale potrebbe (se i risparmi vengono reinvestiti) essere ridotto di due terzi dei livelli previsti. Il vantaggio sarebbe quindi globale, è significativo e vale la pena raggiungerlo.

Come può spiegare il ruolo dell’European BIM Task Group?
La posizione e la formazione uniche dell’European BIM Task Group lo rendono una fonte centrale per i funzionari del settore pubblico per apprendere il BIM. Offre una casa ai governi e ai rappresentanti pubblici per imparare gli uni dagli altri. Cerca di aumentare la comprensione del BIM e della sua rilevanza e i vantaggi che se ne possono ricavare per il settore pubblico. Incoraggia anche l’approccio comune per introdurre il BIM negli appalti pubblici: questo è molto importante per tutti, bisogna ridurre al minimo la terminologia diversa che crea confusione.

Quanto è importante per lei creare una cultura dell’innovazione?
Si dice quando si parla di proprietà immobiliari che è tutta una questione di “location, location, location”: il proverbio per l’innovazione dovrebbe essere tutto su “cultura, cultura, cultura”. Se vogliamo trasformare con successo il settore, abbiamo bisogno di leadership (e non solo leader) per promuovere la giusta mentalità, premiare i comportamenti innovativi e incoraggiare la collaborazione. Al Center for Digital Built Britain (CDBB) ci concentriamo sulla promozione di questa cultura di collaborazione e innovazione in tutto il settore. Il nostro lavoro riunisce l’industria, il mondo accademico e i responsabili politici per costruire la giusta cultura per l’innovazione, abilitata da una migliore gestione delle informazioni e digitalizzazione.

Puoi raccontarmi alcuni dei tuoi progetti più importanti in BIM a cui hai lavorato?
Sicuramente il più importante è casa mia. L’estensione che ho completato otto anni fa è stata progettata e realizzata con un flusso di lavoro BIM. Mi ha mostrato che anche il progetto più piccolo potrebbe trarre vantaggio dall’introduzione del BIM, riducendo i rischi nella progettazione migliorando le comunicazioni e identificando soluzioni ottimali quando si verificano cambiamenti prima che si arrivi in cantiere. Il progetto è stato completato il giorno previsto di fine lavori e ci viviamo ancora.

Cosa ne pensa del futuro del settore AEC?
Il settore delle costruzioni è uno dei meno digitalizzati secondo l’indagine della Commissione europea nel 2019, è uno di quelli più bassi nella classifica per la crescita della produttività e tuttavia è uno dei settori più potenti e di impatto: il mondo gestisce le infrastrutture che il settore costruisce.
Dodici anni dopo, lavoro ancora con persone con passione, vedo la cultura cambiare in tutto il mondo e non ho dubbi al riguardo; il settore sta diventando sempre più digitale.

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e nuove iniziative da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.