Nuovo centro sportivo Albere di Aldeno

Il nuovo centro sportivo Albere sorgerà nel territorio comunale del comune di Aldeno (TN), all’interno di un’area in cui sono presenti un campo da calcio, due campi da tennis, campi da bocce e da tamburello. In questo contesto si inserisce la futura realizzazione di una palestra indoor, costruita con l’obiettivo di fornire spazi adeguati alla pratica sportiva alle numerose associazioni presenti sul territorio.

Il progetto architettonico
Il progetto architettonico, firmato dall’Arch. Daniela Salvetti, prevede la realizzazione di un complesso edilizio in grado di ospitare una palestra, gli annessi spogliatoi e servizi, un bar e un ulteriore locale destinato all’utilizzo da parte delle associazioni. La palestra soddisfa i requisiti imposti dalle norme Coni per palestre di tipo polivalente, con dimensioni pari a 39,08 x 21.50 m e altezza di 8 m, e una pavimentazione in legno idonea alla pratica della pallavolo, della pallacanestro, del calcio a 5 e del tamburello. Fanno parte del progetto gli spogliatoi, suddivisi per atleti e istruttori/giudici, e le tribune in grado di accogliere 192 spettatori.
Dal punto di vista costruttivo, la palestra sarà realizzata con una struttura portante principale in muratura di cemento armato, appoggiata su una platea fondazionale. Le pareti del bar e dei servizi al primo piano sono progettate in pareti di legno tipo XLAM e anche il tetto risulta strutturato con travi lamellari e sovrastruttura in pannelli di legno XLAM.
Il progetto esecutivo della palestra è stato sviluppato prediligendo materiali e soluzioni consolidate, facenti parte della tradizione costruttiva locale. Esternamente l’edificio sarà rivestito principalmente con cappotto in polistirene con ciclo finito acrilico; nelle zone più soggette alla presenza di persone, il rivestimento sarà effettuato con listelli verticali di larice siberiano posti sulla sottostante struttura lignea. Gli elementi in larice siberiano caratterizzano inoltre gli ambienti dei servizi e del bar al piano terra.
In ottemperanza alla normativa nazionale sui CAM e a miglioria della Legislazione Provinciale, particolare cura è stata volta alla scelta dei materiali e dei rivestimenti interni, prediligendone l’impiego a bassa emissione di VOC e in generale avvantaggiando il grado di ecosostenibilità dell’edificio.

Il progetto impiantistico
Dal punto di vista impiantistico, l’edificio sarà servito da una nuova centrale termofrigorifera, costituita da una pompa di calore aria/acqua reversibile, che in estate funziona da refrigeratore per consentire il raffrescamento e la deumidificazione in palestra, e da una caldaia a condensazione alimentata a gas metano quale elemento di backup. I sistemi di emissione in ambiente sono diversificati in funzione della destinazione d’uso dei locali. In palestra è stato pensato un pavimento radiante in grado di garantire il mantenimento di livelli di temperatura adeguati assieme alla ventilazione meccanica. Per i locali spogliatoi e servizi, per il bar del primo piano e per i corridoi sono stati previsti controsoffitti radianti, adatti a fornire il calore necessario quando serve, senza l’inerzia termica dei sistemi a pavimento. La produzione di acqua calda sanitaria avviene attraverso preparatori istantanei in cascata, in modo da limitare il rischio legionella e garantire la copertura delle portate richieste e l’ottima modulazione delle stesse.

La modellazione BIM
L’ATI di progettisti si è occupata della modellazione BIM del progetto esecutivo, compresa la modellazione BIM di tutte le discipline (architettonica, strutture, MEP), l’emissione degli elaborati grafici di progetto, il quantity take off per tutte le discipline e computo metrico da modello IFC per la disciplina MEP.
Per la modellazione della disciplina MEP, è stato utilizzato DDS-CAD, il software Open BIM per la progettazione integrata di impianti meccanici ed elettrici sviluppato da Data Design System, società del Gruppo Nemetschek, e distribuito in Italia da Harpaceas.
Grazie alle caratteristiche di interoperabilità del software, è stato possibile gestire i modelli Ifc generati dai software di BIM Authoring utilizzati per la realizzazione dei modelli ARC e STR. La modellazione degli impianti elettrici, speciali e meccanici in DDS-CAD ha compreso il caricamento in archivio dei componenti impiantistici specifici, partendo da componenti Ifc forniti dai produttori. In questo modo è stato possibile garantire il rispetto del LOD E, consono al livello di progettazione esecutiva. “Le interferenze sono state eliminate già in fase di modellazione sfruttando lo strumento di clash-detection integrato nel software” ha commentato l’Ing. Alessandro Laner, consulente dell’ATI dei progettisti per quanto riguarda gli aspetti BIM.
La produzione degli elaborati grafici è stata veloce grazie allo strumento di generazione di layout di DDS-CAD. Nelle tavole è stato possibile inserire render in alta qualità degli impianti progettati. In questo modo si è potuto definire chiaramente il progetto, eliminando il rischio di fraintendimenti in fase esecutiva. Infine, l’esportazione in Ifc dei modelli realizzati in DDS-CAD ha permesso la realizzazione del computo metrico direttamente all’interno di un ambiente software dedicato allo scopo, minimizzando la possibilità di errori nella fase di preventivazione.

L’ATI di progettazione
L’incarico di progettazione esecutiva è stato affidato dall’amministrazione comunale a un ATI di progettisti locali. Il gruppo, ben amalgamato per aver già operato assieme su altre importanti iniziative, anche di edilizia sportiva, è riuscito a garantire lo sviluppo della progettazione in ambito BIM utilizzando alcune tra le più avanzate tecnologie disponibili sul mercato. Per la parte MEP ad esempio, è stato utilizzato il software DDS-CAD perché unisce in unico strumento un modellatore BIM e un calcolatore per il dimensionamento dei vari sistemi, che ha consentito pertanto di sviluppare il dimensionamento di tutti i componenti direttamente nel modello BIM.

Il progetto in breve
Nuovo centro sportivo Albere
Tipologia: edilizia sportiva
Luogo: Aldeno (TN)
Committente: Comune di Aldeno
Progetto architettonico: Daniela Salvetti Architetto
Progetto strutture, impianti meccanici e antincendio: Ing. Luca Oss Emer
Progettazione impianti elettrici e illuminotecnica: Trentino Ingegneria
Anno: 2019-2020

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, lavora da molti anni nell’editoria B2B per la stampa tecnica e specializzata. Ha scritto a lungo di tecnologia, business e innovazione. Oggi orienta la sua professione nel campo delle tecnologie applicate alla progettazione architettonica e all’imprenditoria delle costruzioni.