Gli edifici del futuro secondo Siemens

La trasformazione digitale sta aprendo degli scenari finora inimmaginabili. Gli edifici, considerati fino a poco tempo fa asset statici e passivi, diventano sempre più interconnessi e flessibili, in grado di “dialogare” con le persone al fine di realizzare ambienti il più possibile confortevoli e sicuri.
In quest’ottica il BIM diventa sempre più importante come ci racconta Daniele Pennati, Marketing Manager di Siemens Smart Infrastructure.

Qual è il suo giudizio in generale sul valore del BIM?
Il BIM è un processo straordinario che consente di integrare il lavoro di tutti gli stakeholder coinvolti nella realizzazione di un edificio. Poter disporre di un modello digitale dell’edificio così sofisticato e dettagliato ci permette non solo di pianificare meglio e più velocemente, ma anche di gestire e definire le attività di manutenzione nel modo più efficiente e sostenibile possibile.

Qual è la vostra offerta di soluzioni e servizi digitali per il Building 4.0?
Per noi di Siemens, il concetto di Building 4.0 si basa su quattro pilastri fondamentali e su ognuno di questi abbiamo definito un portfolio completo e integrato di prodotti e soluzioni. Il primo pilastro riguarda i nuovi sistemi di home e building automation – anche su cloud – che assicurano sicurezza, comfort ed efficienza energetica. Il secondo è l’interconnessione degli edifici (e di tutti i suoi componenti tecnologici) in rete. Il terzo riguarda la raccolta, l’elaborazione e l’analisi dei big data, per un miglioramento continuo di tutte le applicazioni. Ed infine, l’ultimo pilastro è proprio il BIM e le sue sette dimensioni che accompagnano l’edificio in tutte le sue fasi: pianificazione, progettazione, realizzazione, gestione e dismissione.

In che modo l’IoT può aiutare lo sviluppo del mondo delle costruzioni?
L’Internet of Things ha un potenziale notevole. Nel settore delle costruzioni, sia si tratti di rinnovamento di edifici preesistenti sia si considerino, ovviamente, le nuove realizzazioni, il valore aggiunto dell’interconnessione dei dispositivi tecnologici è strategico per il rientro dell’investimento sotto forma di migliore efficienza energetica e maggiore controllo e dunque salvaguardia dei processi.

Quali sono le maggiori richieste dei vostri clienti nel mondo delle costruzioni?
Nell’ambito delle costruzioni Siemens propone sistemi e soluzioni digitali complete e soprattutto integrate per l’infrastruttura tecnologica degli edifici e delle città che portano un valore aggiunto a tutti gli stakeholder della filiera delle costruzioni: dall’investitore al costruttore fino ad arrivare all’utente per una user experience sempre più personalizzata e flessibile in grado di soddisfare le più svariate esigenze. È il mercato che lo richiede.

Quale può essere il reale sviluppo del BIM in Italia?
Il Building Information Modeling è in forte sviluppo nel nostro Paese come nel resto d’Europa. Come noto, il BIM costituisce un processo digitale nella realizzazione degli edifici che porta notevoli vantaggi sia nelle fasi di progettazione sia in quella di costruzione e di conduzione, per l’intero ciclo di vita dell’edificio. Oggi, già molti investitori e proprietari richiedono che gli edifici vengano realizzati in BIM e il trend è fortemente in crescita.

 

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e realtà da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.