NO.T Architetti Associati: il BIM incrementa l’efficienza della progettazione

NO.T Architetti Associati è uno studio associato di architettura fondato a Torino nel 2011 da Silvia Rossi e Francesco Campobasso, laureati alla facoltà di Architettura del Politecnico di Torino. Dall’unione dei percorsi formativi dei soci, maturati attraverso diverse esperienze nel campo di progetti su vasta scala, project management e sviluppo esecutivo da una parte, nell’interior design, allestimento spazi espositivi e valutazione degli aspetti energetici dall’altra, lo studio NO.T Architetti può vantare esperienza in diversi campi dell’attività professionale: da edifici residenziali, direzionali e commerciali fino a progetti di dettaglio per uffici e abitazioni private.

In questi anni, NO.T Architetti ha sviluppato, parallelamente ad altre già consolidate, metodologie di lavoro basate sull’utilizzo della metodologia BIM, come spiega l’Arch. Silvia Rossi, socia dello studio con Francesco Campobasso: “L’evoluzione da un approccio progettuale legato all’utilizzo di strumenti come il CAD all’adozione del BIM è scaturita principalmente da un’esigenza di innovazione. Detto che software parametrici (Architectural Desktop) erano già utilizzati nel nostro studio, abbiamo scelto un nuovo approccio alla progettazione, realizzazione, gestione e manutenzione degli edifici, oltre a una interoperabilità tra i vari attori che interagiscono nel processo. Lo stimolo principale al passaggio al BIM è arrivato da un’occasione lavorativa importante che ha necessitato fin da subito di un approccio integrato al progetto”.
 Il BIM ha portato a una maggiore efficienza nel lavoro del team di NO.T Architetti: “La gestione in BIM di tutto il processo ha migliorato l’efficienza della progettazione in termini di riduzione di errori e di flessibilità, fin dalle prime fasi progettuali. Sicuramente grazie al BIM è possibile ottenere una maggiore flessibilità in fase di progettazione, che consente una verifica immediata: dal concept all’esecutivo fino al costruttivo”.

L’adozione della metodologia BIM ha risposto anche a una esigenza di standardizzazione dei processi interni allo studio in termini di metodo e procedure da utilizzare nelle diverse fasi della progettazione: “Abbiamo sempre ritenuto indispensabile una standardizzazione del flusso nelle diverse fasi progettuali all’interno di un framework che definisce l’utilizzo del BIM a seconda delle fasi. Inoltre, avevamo l’esigenza di riuscire a controllare al meglio il rispetto dei tempi, di avere il controllo dei costi fin dalle prime fasi progettuali e dallo studio di fattibilità, e di avere la possibilità di un coordinamento interdisciplinare”.

A queste esigenze lo studio torinese NO.T Architetti Associati ha risposto adottando il software TeamSystem Construction Project Management (CPM), utilizzato per computazione, direzione lavori, contabilità di cantiere e per seguire tutti gli aspetti di preventivazione, analisi dei costi e budget. “TeamSystem CPM, risponde alla nostra esigenza di controllo dei costi: permette di mantenere il controllo sul progetto, sia in fase di pianificazione che di esecuzione, visualizzando le criticità e la progressione temporale dei dati economici. Il software TeamSystem CPM dà inoltre la possibilità attraverso un processo circolare (codifica – regola di calcolo – computo stima) di aggiornare costantemente il computo, tenendo traccia di tutti gli avanzamenti del progetto, per coprire a 360 gradi tutte le esigenze tecniche, gestionali e amministrative per la contabilità dei lavori edili e per la gestione contabile del cantiere”.

NO.T Architetti ha apprezzato anche gli aspetti di condivisione e di collaborazione del software: “All’interno di progetti che sempre più richiedono una totale condivisione di informazione tra progettisti, committenza e impresa, l’utilizzo di software che permettono un rapido accesso ai dati costituisce un’ottimizzazione significativa” commenta l’Arch. Silvia Rossi.

Tutte le applicazioni di TeamSystem Construction Project Management, infatti, sono fruibili anche via web tramite diverse soluzioni, App o Client Web, per consentire l’inserimento e la consultazione di informazioni e documenti in cantiere e in mobilità. “La possibilità di operare all’interno di un ambiente collaborativo consente di ottimizzare lo scambio di informazioni tra clienti, progettisti, fornitori e partner risparmiando in tempi e conseguentemente in costi”.

L’adozione di TeamSystem CPM ha portato benefici concreti, a cominciare dalla riduzione dei tempi: “Abbiamo apprezzato la possibilità di avere in tempi ridotti la stima dei costi di progetti futuri grazie alla creazione di banche dati costituita da regole di calcolo e listini personalizzati. Sicuramente, avere un preventivo parametrico attraverso l’utilizzo di WBS o raggruppatori liberi favorisce quel processo di standardizzazione dei processi che riteniamo sia alla base di una maggiore efficienza dello studio”.

Infine, Silvia Rossi di NO.T Architetti giudica fondamentale l’interoperabilità BIM: “L’interoperabilità tra BIM e CPM attraverso l’utilizzo di file .ifc e i plug in dedicati sono gli aspetti principali che garantiscono l’integrazione tra modello e gestione economica del processo.”

TeamSystem CPM è completamente BIM ready grazie alla possibilità di importare modelli 3D in formato .ifc. È possibile dunque realizzare preventivi 5D, programmi lavori 4D nonché contabilità lavori da modelli derivati da un avanzamento lavori. In conclusione, la scelta di adottare il software CPM e di scegliere TeamSystem Construction come partner e fornitore è stata positiva per NO.T Architetti: “Sia la transizione al BIM come quella a CPM sono stati processi non immediati, hanno richiesto un congruo tempo di adattamento e formazione. Lo sforzo iniziale è stato ripagato dalla possibilità di ottimizzare i processi all’interno dello studio. Grazie all’esperienza di TeamSystem Construction abbiamo potuto confrontarci con persone preparate, che conoscono a fondo il mondo delle costruzioni. La possibilità di parlare un linguaggio comune ha sicuramente favorito lo scambio di informazioni e il supporto di TeamSystem è stato determinante nella scelta di modificare i nostri processi interni e implementare il BIM all’interno della nostra struttura. L’assistenza di TeamSystem nelle fasi di implementazione e formazione è stata fondamentale. Malgrado l’approccio iniziale non sia privo di difficoltà dovute alla complessità del sistema, TeamSystem ha saputo indirizzarci correttamente e supportarci al fine di rendere consueto l’utilizzo dei software” conclude l’Arch. Silvia Rossi.

 

mm

Lavoro nel settore della comunicazione b2b da alcuni anni sia per testate giornalistiche che agenzie di comunicazione. Focus della mia attività è il confronto quotidiano con le nuove modalità di gestione ed elaborazione delle informazioni, le nuove tecnologie digitali, le trasformazioni in corso nelle professioni e nell’industria.