Italferr vince il premio “Year in Infrastructure 2019”

Italferr, con il progetto l’Itinerario ferroviario AV/AC Napoli-Bari, ha vinto il primo premio al concorso internazionale “Year in Infrastructure 2019”, promosso da Bentley Systems Incorporated, per la categoria “Ferrovie e Trasporti”.

“Devo dire che siamo rimasti particolarmente stupiti di questa vittoria”. – è il commento a caldo che ha rilasciato a BIMportale l’Ing. Daniela Aprea, BIM Manager di Italferr –  “Eravamo già contenti che i due progetti che avevamo presentato fossero arrivati in finale e non avremmo mai immaginato di poter vincere, soprattutto pensando alle realtà internazionali anche molto più strutturate della nostra con cui ci siamo confrontati. Questa vittoria è per noi una soddisfazione enorme che ci ripaga di tutto l’impegno e gli sforzi che abbiamo messo in campo in questi ultimi anni. In più credo che questa vittoria possa dimostrare quanto l’ingegneria italiana non abbia niente da invidiare alle realtà straniere”.

Nato come appuntamento annuale questo premio giunto ormai alla quindicesima edizione, rappresenta il riconoscimento dello straordinario lavoro svolto a livello internazionale dagli utenti delle soluzioni Bentley nella promozione di aspetti come progettazione, costruzione e operazioni infrastrutturali. La premiazione è stata organizzata durante la serata di gala il 24 ottobre a conclusione dell’evento Year in Infrastructure 2019 Conference, che si è tenuto a Singapore presso il Marina Bay Sands Expo and Conference Center.

Scelto tra le 571 candidature inviate da oltre 440 organizzazioni di più di 60 Paesi, il progetto è stato apprezzato per l’ideazione, costruzione e per le operazioni infrastrutturali. Il progetto della nuova linea ferroviaria Napoli-Bari che copre un tratto di 60 chilometri da Apice a Bovino, permette di risparmiare notevole tempo di viaggio, costituendo la realizzazione e in parte la modernizzazione dell’esistente collegamento ferroviario tra la dorsale Tirrenica e Adriatica.

Italferr S.p.A. ha scelto la metodologia BIM per ottenere un processo di progettazione e costruzione più efficiente. Per facilitare lo scambio di dati e informazioni tra le varie parti è stato creato un ambiente di dati connessi (CDE) in grado di fornire informazioni in tempo reale a tutti gli attori coinvolti nella realizzazione di questa importante rete ferroviaria. Il team di progetto ha utilizzato componenti di modellazione parametrica per ottimizzare e automatizzare i processi manuali. Una volta assemblato un modello federato dell’infrastruttura ferroviaria, il contenuto parametrico può essere gestito in modo dinamico. La modellazione dei componenti tecnici del progetto consente a Italferr di esplorare scenari alternativi, migliorare la qualità e l’accuratezza del progetto verso un maggior risparmio di tempi e costi.

Durante la serata una menzione speciale è stata data al progetto del nuovo viadotto sul Polcevera presentato da Andrea Nardinocchi, Direttore Tecnico Italferr, e da Stefano Casula, BIM Specialist Italferr.

(Nella foto: da sinistra Daniela Aprea, BIM Manager Italferr – Andrea Nardinocchi, Direttore Tecnico Italferr – Chiara Butera, BIM Coordinator Italferr – Stefano Casula, BIM Specialist Italferr)

 

mm

Giornalista della redazione di BIMportale, professionista della comunicazione e del marketing per il settore AEC – Architetture Engineering & Construction. Ha lavorato per molti anni nell’editoria B2B dirigendo una delle principali testate specializzate per l’industria delle costruzioni, per la quale è stato autore di numerosi articoli, inchieste e speciali. Durante questa lunga esperienza editoriale ha avuto modo di vivere e monitorare direttamente l’evoluzione del settore e la sua continua trasformazione, lavorando a stretto contatto con i principali protagonisti del mercato: imprese edili, progettisti, committenti, produttori. Su tali premesse nel 2007 ha fondato l’agenzia di comunicazione e marketing Sillabario, che si occupa delle attività di comunicazione e ufficio stampa di importanti marchi industriali del settore delle costruzioni.