Agenzia del Demanio, gara BIM per la ristrutturazione di immobili della Marina Militare

Al via il bando in due lotti per i servizi tecnici e la progettazione in BIM di nove beni di proprietà dello Stato, in uso al Ministero della Difesa e alla Marina Militare.

Tra gli immobili coinvolti c’è Palazzo Marina a Roma, sede ministeriale della Marina Militare, progettato dall’architetto Giulio Magni e inaugurato nel 1928. Si tratta di un palazzo di pregio costruito in stile liberty romano, sorge sul lungotevere delle Navi ed è tutelato dal Codice dei Beni Culturali e soggetto a vincolo paesaggistico. L’edificio occupa una superficie lorda di 87.400 m2 e si sviluppa su sei piani fuori terra.
Gli altri 8 immobili si trovano in Toscana; si tratta della Palazzina Comando dell’Accademia Navale di Livorno e di altri sette fabbricati ad Aulla (MS).

Il bando dell’Agenzia del Demanio (direzione Servizi al patrimonio), del valore di quasi 1,5 milioni di euro, è suddiviso in due lotti: per il servizio di verifica della vulnerabilità sismica, rilievo geometrico, architettonico, tecnologico ed impiantistico da restituire in BIM, e per la progettazione di fattibilità tecnico-economica, sempre da restituirsi in modalità BIM.

La gara, con valore a base d’asta di 1.456.036,72 euro, si svolgerà attraverso un sistema telematico e l’affidamento avverrà mediante procedura aperta all’offerta economicamente più vantaggiosa.
La scadenza per la presentazione delle offerte è il 24 luglio alle 13, mentre la gara si terrà alle 10 del 28 luglio.

Sono ammessi a partecipare liberi professionisti, società di professionisti, società di ingegneria, prestatori di servizi di ingegneria e architettura, raggruppamenti temporanei o consorzi ordinari. I professionisti, a seconda del ruolo nella struttura operativa, dovranno essere in possesso di requisiti specifici; ad esempio, i responsabili delle verifiche antisismiche dovranno possedere una Laurea in Architettura, Ingegneria Civile o Ingegneria Edile ed essere iscritti nei rispettivi Albi Professionali da almeno 10 anni.

mm

Lavoro nel settore della comunicazione b2b da alcuni anni sia per testate giornalistiche che agenzie di comunicazione. Focus della mia attività è il confronto quotidiano con le nuove modalità di gestione ed elaborazione delle informazioni, le nuove tecnologie digitali, le trasformazioni in corso nelle professioni e nell’industria.