Bando internazionale in BIM per Human Technopole e Arexpo

Human Technopole (il nuovo centro di ricerca multidisciplinare) e Arexpo hanno reso pubblico il bando per la progettazione del Campus Human Technopole e di un nuovo edificio per laboratori. Il nuovo building avrà una superficie complessiva di 35mila m² e sorgerà all’interno del Milano Innovation District – MIND, il nuovo polo dell’innovazione che sta nascendo nell’area che ha ospitato Expo Milano 2015, e sarà la sede principale dei laboratori di ricerca dell’Istituto. Una delle richieste principali del bando è che il progetto sia sviluppato in BIM.
Secondo quanto previsto nel Capitolo IV del Bando, al vincitore del Concorso è richiesto il completamento del Progetto di Fattibilità Tecnica ed Economica applicando la metodologia BIM e seguendo i requisiti minimi richiesti dalla stazione appaltante nel capitolato informativo (scarica qui).

Il progetto deve prevedere la costruzione di un edificio per ospitare laboratori, strumentazioni scientifiche e fino a 800 postazioni di lavoro per ricercatori. Oltre alla progettazione del nuovo edificio verranno sviluppate le aree di connessione tra i diversi edifici che compongono l’Istituto, comprendendo le pertinenze del nuovo edificio, i collegamenti tra questo e gli edifici esistenti e le aree esterne.

Il nuovo edificio dovrà essere caratterizzato da un’architettura innovativa e un design urbanistico di alto livello che si integri nell’insieme complessivo di Mind e dovrà essere realizzato con tecniche costruttive che consentano di ridurre tempi di costruzione e costi e che siano sostenibili dal punto di vista ambientale.

Human Technopole è committente delle prestazioni di progettazione mentre Arexpo funge da stazione appaltante su delega. La gara prevede due fasi consecutive: nella prima vi sarà una procedura anonima per individuare le sette migliori proposte progettuali, che accederanno alla fase successiva. Nella seconda parte del processo di selezione, sempre in forma anonima, si individuerà il vincitore.

La progettazione e la costruzione del nuovo edificio – sottolinea il presidente della Fondazione Human Technopole Marco Simoni – rappresentano un importante passo in avanti nella realizzazione dello Human Technopole. Sarà la principale sede dei laboratori, uffici e spazi dove i ricercatori potranno confrontarsi, far circolare le conoscenze e far fiorire nuove idee e approcci innovativi per la lotta a gravi patologie, come i tumori e le malattie neurodegenerative. Si tratta per noi di un investimento molto importante perché il costo massimo dell’opera stabilito dal bando è di 94,5 milioni di euro. Data la sua importanza, abbiamo previsto una rigida tabella di marcia per la sua realizzazione: il progetto deve consentire un processo di costruzione da completare in massimo 1.100 giorni consecutivi, pari a circa tre anni“.

 

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e realtà da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.