Ampliamento e restyling delle Officine Sancassiano

Le Officine Sancassiano a Roddi, in provincia di Cuneo, sono state realizzate in BIM da Archicura: un piccolo studio torinese che progetta anche opere grandi dimensioni grazie ad Archicad. Il software, utilizzato da Archicura fin dagli esordi, ha agevolato infatti la modellazione tridimensionale delle forme complesse dei nuovi uffici e la realizzazione dell’ampliamento della sede produttiva, garantendo il controllo totale del progetto e un notevole risparmio di tempi e risorse.

Il progetto
Le Officine Sancassiano si collocano nel bel mezzo della campagna langarola, proprio nella piccola area produttiva del Comune di Roddi, cittadina meta di turisti e appassionati di vino e tartufi che ospita un importante castello risalente all’XI secolo. L’impronta fortemente high-tech delle nuove officine meccaniche incentiva la vocazione produttiva dell’area ma nel contempo si inserisce nel contesto rurale circostante attraverso l’organicità delle forme modellate in BIM. L’intervento di completamento delle aree produttive dell’azienda meccanica è caratterizzato da due volumi distinti: il primo ospita i nuovi uffici tecnici dell’azienda, il secondo lo spazio espositivo dell’officina. Il primo volume è rappresentato da un prisma regolare avvolto in un guscio metallico in acciaio vetrato, reso parzialmente trasparente da griglie e lamiere forate. Il secondo, dall’estetica più marcatamente “meccanica”, ospita le “macchine” in acciaio dell’officina. I tamponamenti perimetrali del capannone di produzione sono costituiti da una serie di pannelli prefabbricati a sviluppo verticale che si alternano alle vetrate creando un forte contrasto tra pieni e vuoti. L’alternanza di superfici garantisce comunque un ottimo confort termico e una perfetta illuminazione interna. Il rivestimento esterno è costituito da pannelli metallici autoportanti, con angoli di posa differenti per rendere la facciata più movimentata e luminosa. I due fabbricati vetrati degli uffici sono collegati da una passerella trasparente e leggera posta a un’altezza intermedia. Sul tetto piano sono installati pannelli fotovoltaici paralleli al solaio e quindi nascosti alla vista; sulla copertura del fronte ovest sono invece collocati i macchinari impiantistici, mascherati dal rivestimento metallico della facciata.L’intento del progetto è stato quello di creare un “edificio-macchina”, in grado di trasmettere la sensazione di complessità, pulizia ed efficienza della struttura e dei macchinari realizzati dall’azienda.

La modellazione in BIM: controllo progettuale, risparmio di risorse e comunicazione in tempo reale con la committenza
Archicura utilizza il software di progettazione Archicad da vent’anni. “Era il 1997 quando acquistai una delle prime versioni di Archicad – ricorda l’architetto Paolo Dellapiana, titolare dello studio Archicura, pioniere della progettazione BIM in Piemonte – all’epoca nessuno avrebbe scommesso su questa tecnologia, era Autocad a farla da padrone, ma i vantaggi qualitativi e in termini di tempo sono sempre stati innumerevoli”. spiega l’architetto, che insieme a un teamwork di sole tre persone gestisce progetti di tutte le dimensioni. Come le nuove Officine Sancassiano a Roddi, che coprono una superficie totale di circa 2.500 metri quadrati, tra l’ampliamento produttivo e i nuovi uffici di progettazione e accoglienza. “Con BIM si gestisce tutto il progetto dall’inizio alla fine, dal concept iniziale al modello finale, dal preliminare all’esecutivo. Come fare? Pensare sempre in tre dimensioni”, non ha dubbi Dellapiana che ha sempre sostenuto la superiorità della metodologia progettuale integrata: “mentre si modella, nasce in automatico il computo metrico. Inoltre – aggiunge l’architetto -, esportando il modello, possiamo realizzare i plastici con la stampa 3D». Se negli anni le aziende hanno provveduto a creare componenti architettonici e blocchi di arredi utilizzabili dai progettisti, c’è ancora qualche difficoltà nel dialogo tra le differenti figure professionali. “Noi demandiamo la progettazione delle strutture agli ingegneri – spiega il direttore di Archicura – e purtroppo sono ancora in pochi gli strutturisti che si affidano al BIM. In Italia solo il 10% dei professionisti si sono convertiti al BIM, una percentuale ancora piuttosto bassa se paragonata a quella europea e mondiale”. E forse la lenta ripartenza dell’edilizia in Italia è anche dovuta alla “diffidenza verso le nuove tecnologie che consentono la comunicazione del progetto in tempo reale, un requisito ormai indispensabile per poter soddisfare le richieste sempre più esigenti della committenza” conclude l’architetto Dellapiana che insieme al suo team utilizza l’app Bimx per esportare i modelli su tablet e smartphone.

Lo studio di progettazione
Archicura nasce a Torino nel 1996 dall’ingegno dell’architetto Paolo Dellapiana che ha deciso di puntare sulla tecnologia BIM fin dagli esordi. Nello studio lavorano complessivamente quattro progettisti esperti di Archicad: il software utilizzato per la realizzazione di tutti i progetti dello studio. Tra i progetti più significative di Archicura: le Officine Sancassiano a Roddi, la Chiesa della Trasfigurazione ad Alba, la nuova sede direzionale di Banca Sella a Biella, e numerose case “organiche” nella campagna langarola.

Il progetto in breve
Committente: San Cassiano S.p.a.
Luogo: Roddi (Cn)
Tipologia: Ampliamento e restyling area produttiva e nuovi uffici di progettazione e spazi di accoglienza
Superficie ampliamento produttivo: 1450 metri quadrati
Superficie nuovi uffici di progettazione ed accoglienza: 950 metri quadrati
Anno: novembre 2016 – in corso
Progetto e direzione lavori: Archicura – Paolo Dellapiana architetti

 

 

 

 

Summary
BIMportale Progetti - Ampliamento e restyling delle Officine Sancassiano
Article Name
BIMportale Progetti - Ampliamento e restyling delle Officine Sancassiano
Description
Le Officine Sancassiano a Roddi, in provincia di Cuneo, sono state realizzate in BIM da Archicura: un piccolo studio torinese che progetta anche opere grandi dimensioni grazie ad Archicad.
Author

Laureato in Architettura al Politecnico di Torino nel 2011, giornalista della redazione di BIMportale, lavora come freelance presso il quotidiano torinese CronacaQui e il Giornale dell’Architettura. Si è formato nello studio dell’architetto Ricardo Bofill a Barcellona partecipando alla realizzazione di progetti internazionali. Si è occupato di progettazione esecutiva, pianificazione urbana, comunicazione grafica ed editoriale e della realizzazione di comunicati stampa presso lo studio Rolla di Torino e ha lavorato come designer, project manager e tecnico commerciale.