Edifici nZEB e BIM

Edifici nZEB e BIM

Eddy Vito Maria Lo Bianco

Grafill, 2020

L’avvento del BIM (Building Information Modeling) rappresenta un’occasione per coniugare il binomio tra le tematiche della sostenibilità e della digitalizzazione nel settore delle costruzioni.
Il volume è costituito da una prima parte introduttiva che affronta una cronistoria sulle buone prassi del costruire sostenibile in architettura e sull’evoluzione del processo di digitalizzazione dell’ambiente costruito. Un excursus temporale che permette di individuare le motivazioni che da un lato hanno portato allo sviluppo di politiche energetico-ambientali per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente, dall’altro lato l’emanazione di leggi e norme che permettono di standardizzare modelli per la progettazione sostenibile, che permettono di realizzare edifici energeticamente efficienti secondo il target Net ZEB e a minor impatto ambientale mediante l’adozione dei Criteri Ambientali Minimi (CAM). In questo contesto l’evoluzione tecnologica, le competenze professionali e lo sviluppo di software risultano essere la chiave di volta per la digitalizzazione avanzata nel settore edile in ambito pubblico e privato.
Una seconda parte del testo mostra l’utilizzo di due software BIM, Revit come BIM Authoring e Termolog Epix come BIM Uses. Tramite l’ausilio combinato di tali software è possibile effettuare analisi solare, dell’illuminazione ed energetica oltre che condurre le verifiche sia per gli edifici ad energia quasi zero che per i criteri ambientali minimi. I contenuti descrivono gli strumenti che permettono di sviluppare progetti con un approccio sostenibile a partire dalla fase embrionale del progetto sino alla completa implementazione.
Nella terza ed ultima parte, il volume propone due casi studio che affrontano le tematiche della progettazione sostenibile in ambito BIM. Nello specifico il primo caso studio, di edilizia privata, riguarda la progettazione di una nuova costruzione unifamiliare, mentre il secondo caso studio, di edilizia pubblica, vede l’intervento di ristrutturazione di un edificio scolastico. Tramite l’approfondimento dei due casi studio verranno descritti gli approcci adottati per condurre le simulazioni energetiche e le valutazioni ambientali, mediante l’utilizzo dei due software, al fine di illustrare operativamente le metodologie descritte in precedenza nella seconda parte del volume.
A conclusione si riportano delle considerazioni sulle criticità affrontate durante l’intero flusso di lavoro e riscontrate nell’utilizzo dei software.

 

 

mm

Giornalista della redazione di BIMportale, professionista della comunicazione e del marketing per il settore AEC – Architetture Engineering & Construction. Ha lavorato per molti anni nell’editoria B2B dirigendo una delle principali testate specializzate per l’industria delle costruzioni, per la quale è stato autore di numerosi articoli, inchieste e speciali. Durante questa lunga esperienza editoriale ha avuto modo di vivere e monitorare direttamente l’evoluzione del settore e la sua continua trasformazione, lavorando a stretto contatto con i principali protagonisti del mercato: imprese edili, progettisti, committenti, produttori. Su tali premesse nel 2007 ha fondato l’agenzia di comunicazione e marketing Sillabario, che si occupa delle attività di comunicazione e ufficio stampa di importanti marchi industriali del settore delle costruzioni.