HBIM per la Fortezza di Sarzanello

La Fortezza di Sarzanello si trova a Sarzana in provincia di La Spezia. Le prime notizie di un luogo fortificato situato nell’attuale posizione della Fortezza risalgono al 963 d.C. Nei secoli seguenti sono state apportate modifiche e ristrutturazioni al complesso, completato nel 1502 e giunto così ai giorni nostri. L’edificio non è stato mai coinvolto in eventi bellici di grande portata e questo spiega come possa mantenere ancora oggi il suo aspetto originario quasi intatto.

Il rilievo su incarico della Direzione regionale Musei Liguria
Nel 2020 la Direzione regionale Musei Liguria ha deciso di scansionare l’edificio e creare un modello digitale dell’opera. Scansionando pietra per pietra, centimetro per centimetro ogni volume, ogni spazio interno ed esterno, l’obiettivo era quello di ricostruire la fortezza digitalmente e renderla disponibile, in una nuova veste digitale, allo studio ed alla ricerca. “La realizzazione della scansione della Fortezza è un progetto fortemente voluto dalla Direzione regionale Musei Liguria.” – afferma l’Arch. Raffaele Colombo della Direzione regionale Musei Liguria – “L’intervento consentirà di ottenere un rilievo fedele e mai visto prima di un edificio fondamentale per la comprensione delle fortificazioni del Cinquecento. Realizzato per volere di Lorenzo de’ Medici su progetto del Francione, costituisce un esempio perfettamente conservato dell’architettura militare di questo periodo di transizione”.
La visione complessiva e tridimensionale del complesso permetterà di migliorarne la conoscenza e la comprensione e certamente tali possibilità saranno sfruttate al massimo dalla Direzione regionale Musei Liguria, sia per le attività di manutenzione e progettazione che riguarderanno l’opera, ma non solo. A partire da questo lavoro sarà possibile proporre nuovi utilizzi “digitali” a tutti gli appassionati e ai ricercatori. Inoltre, questo lavoro ha contribuito a portare alla luce elementi architettonici che consentiranno di ricostruire anche le evoluzioni storiche e archeologiche dell’edificio, che fino a oggi erano rimaste inesplorate.
L’incarico di effettuare la Scan-to-BIM è stato affidato dalla Direzione regionale Musei Liguria a Fabrica, società di ingegneria con sede a La Spezia nata nel 2019 in forma cooperativa come risultato di un più ampio e complesso rapporto di collaborazioni tra diverse realtà e professionisti. “Per noi di Fabrica contribuire alla conoscenza ed allo studio di una fortezza che da oltre 500 anni domina la valle del Magra che si apre alla Toscana è davvero un punto di arrivo assoluto rispetto ad un percorso fatto di tanto studio, ricerca e dedizione nell’ambito della digitalizzazione e del BIM, oggi del HBIM. La conoscenza, la consapevolezza e l’accessibilità digitale ad un bene così ben conservato, maestoso ed importante passano oggi da una proposta di tecnologia sul campo, elaborazione e postproduzione dei dati e professionalità al passo con le necessità di crescere costantemente ed innovare, valori in cui Fabrica crede e si ritrova ogni giorno” commenta Michele Codeglia, socio e fondatore di Fabrica.

La scansione con Leica RTC360
Il laser scanner è uno strumento che Fabrica utilizza ormai da anni per applicazioni di diverso tipo, che spaziano dalla progettazione all’ambito industriale.
Per il rilievo della Fortezza di Sarzanello, il team di Fabrica ha utilizzato il laser scanner Leica RTC360 per acquisire ogni dettaglio dell’edificio, sia nelle zone esterne e sia negli ambienti interni: “Siamo passati a scansionare le parti più misteriose ed intriganti costituite dagli interni ricavati nei volumi principali, in particolare i camminamenti interni al rivellino e gli spazi all’interno dei torrioni. La parte interna della fortezza è stata completata con la scansione degli ambienti interni ai livelli superiori. Le attività sul campo ci hanno permesso di compiere uno straordinario viaggio attraverso ogni più piccolo dettaglio dell’edificio che ben presto ha assunto le caratteristiche di un vero e proprio viaggio nel tempo” commenta Michele Codeglia. Il team di Fabrica ha lavorato circa 15 giorni in campo.
Tutte le scansioni effettuate, tecnicamente “setup”, hanno generato punti misurati e foto a 360°. In fase di post elaborazione tutti i setup sono stati uniti gli uni con gli altri attraverso l’utilizzo del software Leica Cyclone Register 360 fino a ottenere un’unica nuvola di punti e di immagini navigabile ed interrogabile. La post produzione ha coinvolto il team di Fabrica per circa tre mesi.
Il risultato è una nuvola di punti con foto, perfettamente navigabile da PC, è possibile taggare elementi e oggetti, collegando link esterni, schede tecniche, ecc.

Scan-to-BIM: dalla nuvola di punti al modello BIM
Dal rilievo ottenuto, si potrà ottenere un modello HBIM della Fortezza di Sarzanello. La nuvola di punti sarà esportata verso il software di authoring BIM Autodesk Revit, che consentirà di ottenere una prima restituzione grafica della Fortezza. Dal modello 3D ottenuto con la nuvola stessa, sarà possibile estrapolare piante, prospetti e sezioni.
Fabrica continuerà l’attività di modellazione BIM dell’edificio per poter elaborare un modello geometrico e informativo dell’intero sito, utile per numerose e successive attività di studio, progettazione, manutenzione.
In particolare, grazie al modello potranno essere ricavati dati utili relativi allo stato di conservazione e alle quantità di superfici interne ed esterne quali volte, pareti, pavimenti. Si potrà informatizzare ogni singolo vano, assegnando allo stesso un numero indefinito di parametri collegabili direttamente a database gestionali.

 

Video:

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, lavora da molti anni nell’editoria B2B per la stampa tecnica e specializzata. Ha scritto a lungo di tecnologia, business e innovazione. Oggi orienta la sua professione nel campo delle tecnologie applicate alla progettazione architettonica e all’imprenditoria delle costruzioni.