Il BIM e il costruito

Formare e innovare a partire dall’economia del territorio, valorizzando il patrimonio edilizio e quello culturale. Questo il senso dell’incontro dal titolo “Il BIM e il costruito”, in programma martedì 27 novembre, a partire dalle 15, nella sede dell’Ance Palermo, la Sala Florio di Palazzo Forcella De Seta, su iniziativa di Revive, start-up innovativa nel campo dei servizi avanzati di progettazione sostenibile nei settori AEC (Architecture, Engineering and Construction) e, in particolare, nell’area dell’ospitalità e della riqualificazione del territorio.

All’incontro, oltre all’ideatrice e fondatrice di Revive, Daniela Guarneri (“il processo BIM nel Progetto-Pilota Valderice”), partecipano, fra gli altri, Cinzia Gatto (Ministero delle Infrastrutture e Trasporti) con l’intervento “Digitalizzazione e stazioni appaltanti: il DM 560/2017”; Riccardo Perego (OneTeam), con la relazione “Garantire le prestazioni e certificare le competenze” e “BIM e nuove professionalità ai sensi della norma UNI 11337″. La tavola rotonda sarà moderata dal giornalista Alberto Samonà. La giornata di studi è patrocinata da Ance Palermo, Università degli Studi di Palermo, Sicindustria gruppo giovani imprenditori, Confcommercio Sicilia, Banca Popolare Sant’Angelo, Federalberghi Sicilia, Consulte degli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri e dall’Istituto nazionale di Bioarchitettura.

L’appuntamento del 27 novembre sarà l’occasione per presentare il Progetto-Pilota Valderice: Revive Project sta, infatti, sviluppando un nuovo brand legato al settore del turismo sostenibile di lusso, in grado di offrire nuove soluzioni per l’economia del territorio, finalizzate a un’ospitalità di qualità, muovendo dalla volontà di diffondere innovazione per le nuove costruzioni e per gli interventi di recupero e riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare esistente: in pratica, quello di Valderice è il primo prototipo di sperimentazione e applicazione concreta di questo nuovo modello di ospitalità, basato sull’esaltazione del connubio struttura-servizi-territorio e riguarda un immobile di 1000 mq circa a destinazione d’uso residenziale. L’innovativo modello informatizzato di progettazione integrata di edificio ad elevate prestazioni energetiche e ambientali sarà la spinta per proporre un turismo sostenibile incentrato sul recupero, valorizzazione, rafforzamento e diffusione dei caratteri di unicità e di identità del territorio.

Nel corso dell’incontro saranno anche presentate le linee-guida del progetto Revive, quale incrocio e sovrapposizione della filiera delle costruzioni con quella dei servizi di ospitalità turistica, sviluppati attorno al manufatto edilizio. Questo, per garantire la riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare esistente attraverso il potenziamento e l’innovazione dei prodotti della filiera produttiva regionale, il cosiddetto “Km 0”. Ciò al fine di proporre il “sistema produttivo Sicilia” come un sistema sinergico e integrato, in grado di offrire prodotti ad altissime prestazioni nei settori della ricettività e con riferimento al patrimonio immobiliare.

“Revive”, sottolinea Daniela Guarneri, “si rivolge in via privilegiata al sistema dell’edilizia più direttamente collegato alle strutture ricettive che propongono un’ospitalità attenta all’ambiente, a partire dalla centralità di un modello di “edificio attivo”, un manufatto di nuova concezione, progettato e costruito secondo i principi della bioarchitettura e della bioedilizia proiettati verso una gestione pienamente sostenibile dell’intero ciclo di vita (LCA – Life CycleAssessment). Questo avviene attraverso l’impiego dei più evoluti standard internazionali di sostenibilità ambientale (LEED) e delle tecniche più avanzate di gestione integrata del processo edilizio, mediante metodologia BIM (Building Information Modelling)”.

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, specializzato nel settore delle costruzioni, si occupa dai primi anni ’90 di tecnologie applicate alla progettazione e al cantiere. Ha all’attivo numerose pubblicazioni e collaborazioni con le principali testate di settore relative a tecniche costruttive, progettazione 3D, organizzazione e gestione dei processi di cantiere.