BIMportale Talks: Infra BIM 7D, la manutenzione con le metodologie BIM nell’edilizia infrastrutturale

Durante i giorni di Digital&BIM Italia, nell’ambito del SAIE di Bologna, BIMportale ha organizzato i BIMportale Talks, progetti di successo per l’ambiente costruito, momenti di confronto tra gli attori di una filiera BIM Oriented.

Un incontro molto importante visto l’argomento è stato quello dal titolo “Infra BIM 7D, la manutenzione con le metodologie BIM nell’edilizia infrastrutturale”.

A introdurre i lavori della giornata è stato il professor Francesco Ruperto dell’Università La Sapienza di Roma che ha approfondito il tema dell’evoluzione normativa, metodologica e tecnologica, e ha portato le prime informazioni sul ruolo del BIM in un grande evento sportivo e di marketing territoriale quale i Mondiali di Sci Cortina 2021 – Open Cortina.

Argomento sviluppato anche dalla professoressa Anna Osello del Politecnico di Torino che ha posto l’attenzione sull’affidabilità dei dati del patrimonio costruito. “Per una manutenzione programmata ed eventualmente predittiva è necessario analizzare tutte le informazioni che possono derivare dai rilievi in fase di gestione e manutenzione per scegliere in maniera opportuna quali sono i dati essenziali che servono e come poi questi devono essere utilizzati per essere ottimizzati. Nell’epoca dei Big data a volte abbiamo troppe informazioni e non sappiamo come utilizzarle”.

L’avvocato Massimo Ricchi esperto di Parternariato Pubblico Privato e concessioni ha parlato dell’importanza della metodologia BIM per il monitoraggio continuo delle opere infrastrutturali da parte della Pubblica Amministrazione. “Lo sviluppo del BIM in Italia è in una fase cruciale, nell’ultimo anno sono stati, infatti, approvati due documenti fondamentali: il primo è il decreto BIM che rende obbligatoria con il tempo l’adozione di questa metodologia per la realizzazione di opere pubbliche e il secondo è la determinazione 9 dell’ANAC sul monitoraggio delle operazioni di Parternariato Pubblico Privato che impone da subito l’adozione di questi sistemi informativi che devono essere implementati ai fini della validità del contratto stesso”.

Un aiuto nella manutenzione delle infrastrutture può venire dalla nuove tecnologie come ha raccontato Giacomo Parlanti di Primis Group: “Attraverso l’utilizzo di APR e droni si possono evidenziare delle caratteristiche innovative nella gestione di opere complesse come viadotti e ponti”. Un tema quello dell’innovazione tecnologiaca e dell’utilizzo della metodologia BIM che è stato portato avanti anche dal Dott. Stefano Amista di STR TeamSystem.

Nell’intervento successivo l’ingegner Elisa Spallarossa, BIM Manager dello Studio Archimede, ha portato la sua esperienza nella manutenzione programmata di ponti e di opere infrastrutturali. “Lo sviluppo di tecnologie innovative supporta la manutenzione programmata e la valutazione dello stato di degrado e di sicurezza delle opere è importante che le nuove tecnologie vengano adottate e utilizzate secondo delle linee guida e delle procedure che devono essere organizzate anche a livello nazionale per stabilire programmi di manutenzione programmata sulla base di rapporti costi benefici e sulla base della sicurezza delle infrastrutture”.

Ha chiuso i lavori Stefano Amista, Specialist Soluzioni Gestionali e BIM per il settore AEC di STR TeamSystem, promotore dell’incontro, che ha approfondito il contributo dei software nelle attività Infra BIM 7D: “STR offre soluzioni informatiche adeguate alle esigenze delle imprese di costruzioni, dei professionisti dell’edilizia, delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di patrimoni immobiliari. Nel campo del BIM e della manutenzione delle infrastrutture in particolare, software come STR Vision CPM e Synchro PRO o il servizio droni as-a-service, offrono piattaforme gestionali in gradi di gestire con precisione, rapidità, affidabilità ed efficacia le attività di commessa”.

mm

Giornalista della redazione di BIMportale, professionista della comunicazione e del marketing per il settore AEC – Architetture Engineering & Construction. Ha lavorato per molti anni nell’editoria B2B dirigendo una delle principali testate specializzate per l’industria delle costruzioni, per la quale è stato autore di numerosi articoli, inchieste e speciali. Durante questa lunga esperienza editoriale ha avuto modo di vivere e monitorare direttamente l’evoluzione del settore e la sua continua trasformazione, lavorando a stretto contatto con i principali protagonisti del mercato: imprese edili, progettisti, committenti, produttori. Su tali premesse nel 2007 ha fondato l’agenzia di comunicazione e marketing Sillabario, che si occupa delle attività di comunicazione e ufficio stampa di importanti marchi industriali del settore delle costruzioni.