Cos’è la Fattura Elettronica PA e come funziona?

Dal giugno del 2014 le Agenzie Fiscali, i Ministeri e gli Enti di Previdenza non possono più accettare ed emettere fatture che non siano trasmesse esclusivamente in forma elettronica. Dal 31 marzo 2015 tale obbligo è stato esteso a tutte le Pubbliche Amministrazioni, ivi comprese le scuole, le Università, i Comuni, le Regioni, le Camere di Commercio, le Aziende Sanitarie, ecc.

La Fattura Elettronica verso la Pubblica Amministrazione (FEPA) è una fattura creata, trasmessa e ricevuta in formato elettronico attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), con caratteristiche e modalità specifiche definite dal legislatore. La normativa prevede inoltre la Conservazione Sostitutiva di questi documenti e la corresponsione dell’imposta di bollo. Ad eccezione di chi opera nel “regime dei minimi”, il pagamento dell’imposta relativa alle fatture, agli atti, ai documenti e ai registri emessi o utilizzati durante l’anno va effettuata tramite modalità telematica (F24) e in un’unica soluzione, a 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio fiscale.

Continua a leggere

mm

Lavoro nel settore della comunicazione b2b da alcuni anni sia per testate giornalistiche che agenzie di comunicazione. Focus della mia attività è il confronto quotidiano con le nuove modalità di gestione ed elaborazione delle informazioni, le nuove tecnologie digitali, le trasformazioni in corso nelle professioni e nell’industria.