Grattacieli e BIM nel 9° convegno internazionale Tall Buildings

Lo sviluppo verso l’alto delle città che presuppone la realizzazione e progettazione di grattacieli e torri è sicuramente un argomento molto contemporaneo se si pensa che negli ultimi 10 anni sono stati costruiti nel mondo 292 grattacieli di oltre 250 metri di altezza, secondo i dati di una recente ricerca realizzata da CTBUH Council on Tall Buildings and Urban Habitat. Per questo motivo è necessario analizzare lo scenario del nostro Paese per la gestione sia a livello di sviluppo immobiliare sia a livello di applicazione di nuove tecnologie e metodologie operative per la loro realizzazione.

Questi i temi principali del “9° Congresso Internazionale Tall Buildings” che si è tenuto il 25 giugno a Milano, presso la Triennale con il patrocinio dell’ Università Iuav di Venezia, del Council on Tall Buildings and Urban Habitat e del Politecnico di Milano, e che ha visto TeamSystem Construction tra gli sponsor principali.

Organizzato da Guamari,  l’evento è stato coordinato da Aldo Norsa che con il gruppo di ricerca attivo all’Università Iuav di Venezia, diretto dal professor Dario Trabucco coordina un network mondiale di esperti dell’IIT (Institute of Technology) di Chicago e della Tongji University di Shanghai.

Novità assoluta dell’edizione di quest’anno è stata la presenza di due delle principali società di sviluppo immobiliare della città di Milano, City Life  con il Presidente Aldo Mazzocco e Coima con il Direttore generale Kelly Russell Catella, che hanno illustrato i loro progetti di ulteriore sviluppo verso l’alto della città nelle aree di Porta Nuova e CityLife che stanno cambiato radicalmente lo skyline della città e la sua identità.

La mattinata è stata dedicata ad illustrare i progetti di grattacieli a Milano e nel mondo che sono stati analizzati non solo per l’aspetto architettonico ma anche per l’aspetto gestionale. La progettazione delle torri lsozaki e Libeskind, ad esempio, ha richiesto una modellazione parametrica integrata in BIM. Tra i progetti è stato anche raccontato il caso studio del nuovo Ospedale Galeazzi che sorgerà nella zona MIND area ex EXPO Milano 2015. Il BIM e le nuove tecnologie sono state approfondite  anche nel pomeriggio con l’analisi delle innovazioni nel campo dell’ingegneria strutturale e impiantistica e le nuove procedure progettuali per il coordinamento e la gestione in cantiere dei tall buildings.

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e realtà da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.