Il BIM secondo STR

Cos’è il BIM? Quali sono i suoi principi cardine, e quali le differenze rispetto alla progettazione tradizionale? Quali sono i suoi concreti vantaggi operativi sia in fase di progettazione che in fase di esecuzione? E quali i riflessi su aspetti strategici come controllo di commessa, programmazione lavori, gestione del progetto, controllo dei costi? E infine, quali i riflessi sulle figure professionali coinvolte nelle diverse fasi del processo edilizio? A queste e ad altre domande fornisce risposta “Il BIM secondo STR”, l’Ebook realizzato da TeamSystem scaricabile gratuitamente all’indirizzo http://www.str.it/media/ebook-bim.
Il mondo della progettazione nel settore delle costruzioni – nelle sue diverse competenze, architettonica, ingegneristica, impiantistica, paesaggistica, ecc. – ha vissuto in questi ultimi trent’anni una rivoluzione che ha portato a numerosi cambiamenti di approccio e strumenti operativi. Dalla progettazione assistita, prima a due dimensioni poi tridimensionale, alla progettazione parametrica per oggetti, prima quantitativa poi qualitativa, le innovazioni susseguitesi in questo arco di tempo hanno portato a un profondo cambio di visuale nel modo stesso di concepire l’opera edile e le sue diverse fasi di realizzazione e gestione. Culmine di questa evoluzione concettuale è il BIM, acronimo di Building Information Modeling, che se sinteticamente può essere definito come un modello di sintesi di un’opera (edificio, infrastruttura, ecc.) composto da tutti i dati provenienti dalle diverse discipline che concorrono alla sua realizzazione, nel concreto rappresenta un approccio del tutto nuovo alla realizzazione e gestione di un’opera. Un approccio in cui progetto architettonico, strutturale, impiantistico, caratteristiche e proprietà di materiali, componenti e sistemi, pianificazione delle fasi di realizzazione, tempistiche e costi di esecuzione, opere di manutenzione vengono considerati in maniera organica come parte di un unico processo che considera l’intero ciclo di vita del manufatto, al fine di prevenire e ridurre le possibilità di errore e ottimizzare i processi di esecuzione, verifica e controllo.

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, specializzato nel settore delle costruzioni, si occupa dai primi anni ’90 di tecnologie applicate alla progettazione e al cantiere. Ha all’attivo numerose pubblicazioni e collaborazioni con le principali testate di settore relative a tecniche costruttive, progettazione 3D, organizzazione e gestione dei processi di cantiere.