Open Project presenta Open Twin

In occasione della fiera Digital&BIM, che si è tenuta a Bologna dal 21 al 22 novembre scorsi, la società di progettazione Open Project ha lanciato il nuovo brand Open Twin che nasce per accompagnare le aziende nella digitalizzazione del patrimonio immobiliare.
Il lancio del nuovo progetto è avvenuto nell’ambito di un incontro dedicato dal titolo: Explore Your Digital Mirror. Bring Building to Industry 4.0. dove la società di ingegneria e architettura bolognese ha presentato l’iniziativa che punta a modificare il mondo del Real Estate e del Property & Facility Management attraverso le nuove tecnologie digitali.
“L’integrazione fra ricerca, innovazione, tecnologie e risorse umane” – hanno spiegato Francesco Conserva e Maurizio Piolanti di Open Project – “è la risposta alle nuove esigenze del mercato nella gestione del patrimonio immobiliare”.
Dopo l’introduzione di Francesco Conserva e Maurizio Piolanti di Open Project che hanno presentato la società tramite la proiezione di un breve video che esprime i valori di Open Project e del nuovo brand Open Twin, Claudio Vittori Antisari, Founder di Strategie Digitali ha spiegato la trasformazione digitale nel mondo AECO, attraverso una lettura dei trend internazionali sulla digitalizzazione dell’ambiente costruito. L’evoluzione della progettazione integrata (dove nasce la figura del Design Technology Specialist anche definito Superuser) e delle società di Digital Design Technology che vengono acquisite da realtà più grandi in un’ottica di integrazione verticale. Claudio Vittori Antisar ha anche sottolineato che la sempre più crescente importanza delle competenze digitali nella progettazione, costruzione e gestione degli edifici porta alla nascita di nuove professionali come BIM Manager, BIM Coordinator, BIM Specialist, Computational Designer e Common Data Environment Manager.
Simone Garagnani, Founder di BIM Foundation si è soffermato sulle peculiarità del patrimonio immobiliare italiano caratterizzato da molti edifici vincolati con una importante cultura del restauro e del recupero edilizio in questo contesto la digitalizzazione degli edifici esistenti (HBIM e ScanToBIM) può portare numerosi benefici.
Elisabetta Bracci, Smart building consultant di Jump Facility  ha analizzato la definizione di edificio automatizzato e di edificio cognitivo, dove è la componente umana a fare la differenza come ha presentato nella case history di theedge , lo stabilimento a maggior rating di sostenibilità al mondo.
Il ruolo del IoT nelle tecnologie per gli smart building e della Realtà Aumentata e Realtà Virtuale sono stati temi approfonditi da Simone Fardella, CTO di Trueverit e Luigi Clivati, Business Development Manager Eon Reality. 
Attraverso una tavola rotonda alcuni rappresentanti del real estate e del mondo della committenza, Federico Mazzanti , Head of Property & Real Estate Management, Bonfiglioli Riduttori Spa, Andrea Tota, Head of real estate development, The Student Hotel, Simone Ciprandi, Project Manager Listed Buildings & Refurbishments, Generali Real Estate, Luca Tomasini Immbiliare UnipolSai, hanno cercato di rispondere a quali sono le principali difficoltà nell’acquisire i dati e creare data base del patrimonio immobiliare esistente e quali sono le peculiarità del mercato Italiano interrogandosi su quale può essere il futuro della digitalizzazione nel Property & Facility Management.
A chiusura dell’evento Giacomo Bergonzoni, Open Project ha presentato il  nuovo brand Open Twin nato con l’intento di offrire servizi che permettono di ottimizzare i processi di Facility & Property Management attraverso l’elaborazione di Digital Twin, integrando sistemi informativi con tecnologie e persone all’insegna dell’Open Innovation. con Open Twin si ha la possibilità di risolvere le maggiori criticità del settore.
L’evento è stato anche l’occasione di provare in prima persona esperienze di Realtà Virtuale e tecnologie IoT.

 

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e realtà da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.