Rapporto OICE 2017: crescono i bandi BIM

I bandi con richiesta di BIM coprono al momento ancora una quota minima (solo l’1,4% in numero e il 2,5% in valore) del complesso della domanda pubblica per servizi di ingegneria e architettura, ma sono comunque triplicati rispetto allo scorso anno. E’ questo uno dei dati più interessanti emerso dal “Report OICE sui bandi del 2017 e il d.m. 560/2017. L’esperienza delle società di ingegneria e della P.A.“, il Rapporto sulle gare BIM del 2017 che OICE ha predisposto analizzando 86 procedure di gara per opere pubbliche emesse nello scorso anno in Italia per servizi di ingegneria e architettura, presentato mercoledì 14 febbraio a Roma nel corso di un affollato convegno. Per quanto riguarda la committenza, secondo il rapporto – illustrato dal Direttore Generale OICE Andrea Mascolini – le amministrazioni più attive sono state i Comuni, seguiti dalle Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, le Province e gli Ospedali. Quasi la maggioranza delle gare è stata bandita per opere puntuali, fra le quali oltre il 30% nell’edilizia scolastica. Il BIM è stato prevalentemente richiesto come elemento premiale in sede di offerta, in particolare nella valutazione delle caratteristiche metodologiche dell’offerta, con un punteggio variabile da 1 a 20 quando è stato puntualmente individuato come sub-elemento di valutazione, al BIM sono stati assegnati in media da 4 a 5 punti. Il Presidente OICE Gabriele Scicolone ha introdotto i lavori del convegno; è quindi intervenuto l’ing. Pietro Baratono, Provveditore alle oo. pp. di Lombardia e Emilia-Romagna e presidente della commissione ministeriale che ha definito i contenuti del d.m. 560/2017 che ha illustrato il provvedimento, e il Prof. Giuseppe Di Giuda del Politecnico di Milano con una relazione sulle linee guida nella P.A. Antonio Vettese, Consigliere OICE alla digitalizzazione e Industria 4.0, ha coordinato la seconda parte del convegno dove sette società di nostri associati hanno presentato alcuni significativi progetti: 3TI Progetti (Alfredo Ingletti) – Beyond BIM: Experience in Doha Metro Project; ambiente sc (Francesca Tamburini) – Approccio metodologico per la progettazione delle opere a verde su infrastruttura ferroviaria in BIM; Artelia Italia (Alberto Romeo) – Elahiyeh Multiuse Complex Tehran (Iran); B5 (Ugo Brancaccio) – Sperimentazione del processo BIM per il restauro architettonico; Recchiengineering(Emanuela Recchi e Enrico Maggi) – Intervento residenziale UPTOWN a Cascina Merlata (Milano): il BIM dal progetto al cantiere; Sinergo (Filippo Bittante) – Riqualificazione edificio storico in Corso Porta Vittoria (Milano); SWS (Alessandro Menozzi) – Stazioni metropolitane di Copenhagen, Cityringen.

Summary
Rapporto OICE 2017: crescono i bandi BIM
Article Name
Rapporto OICE 2017: crescono i bandi BIM
Description
Lo scorso 14 febbraio è stato presentato a Roma il Report OICE sui bandi BIM indetti nel 2017. 560/2017.
Author

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, specializzato nel settore delle costruzioni, si occupa dai primi anni ’90 di tecnologie applicate alla progettazione e al cantiere. Ha all’attivo numerose pubblicazioni e collaborazioni con le principali testate di settore relative a tecniche costruttive, progettazione 3D, organizzazione e gestione dei processi di cantiere.