I vincitori del concorso ABC Monza 2019, Architecture BIM Competition

Il 28 novembre nella cornice di Sala Buzzati a Milano si è tenuta la cerimonia che ha premiato i vincitori del Concorso internazionale di idee di Architettura ABC | MONZA 2019. Erano presenti numerosi ospiti italiani e internazionali del mondo dell’architettura e delle costruzioni. Oggetto del concorso, proposto dal developer immobiliare italiano RBO Investment, era la rigenerazione urbana di un ampio settore (60.000 m2) dell’ex stabilimento Philips in Monza (MB) di proprietà di RBO stessa. Il disciplinare di concorso richiedeva di affrontare la competizione unendo gli strumenti e le competenze proprie dell’Architettura alle più moderne tecnologie di progettazione e coordinamento di progetto solitamente indicate come BIM – Building Information Modeling. I concorrenti infatti avevano l’obbligo di sottoporre l’idea concorsuale in BIM, mediante un modello tridimensionale in formato digitale a integrazione dei tradizionali elaborati grafici. Rivolto tanto agli studenti quanto ai professionisti, il concorso ha visto la vittoria di progetti di notevole impatto che sono stati valutati da due giurie internazionali con riconosciute competenze sia nell’ambito architettonico “classico” sia in quello dell’Architettura 4.0.

Ai tre progetti vincitori del concorso, patrocinato da ben venti istituzioni e associazioni del mondo professionale, sono stati assegnati i premi per l’Architettura, per il BIM e per la Sostenibilità. Ad altri cinque progetti sono inoltre state assegnate menzioni d’onore.

Il premio per l’Architettura del valore di diecimila euro è andato, accompagnato dallo stupore dei convenuti per l’alto livello della proposta, al progetto Metamorphosis del gruppo di studenti del Politecnico di Milano Y=3A+B. A questo si è aggiunta una menzione per la Sostenibilità a riprova della qualità dell’idea. In un mix di funzioni abitative e pubbliche, definite anche in funzione dei risultati di un questionario sottoposto ai residenti della zona, il progetto ha proposto una interessante forma di equilibrio tra lo spazio verde, aperto e al contempo asse portante dell’assetto planimetrico, la nuova area edificata (con tecnologie a secco) e la frammentarietà degli spazi circostanti.

Il premio per il BIM del valore di cinquemila euro è andato al progetto People UP del gruppo BIMon, realtà professionale con base a Roma, che si è distinta per la qualità dell’approccio tecnologico, in grado di influenzare positivamente anche la proposta architettonica tanto da meritare anche una menzione per l’Architettura. Il concept, sviluppato attraverso un modello parametrico tridimensionale ampio e articolato, trova nel lavoro presentato un esempio di corretta metodologia di impostazione del progetto, dei livelli di definizione delle informazioni e dell’attenzione alle caratteristiche del formato di scambio IFC in fase di esportazione. Non meno valido il tema proposto: un business model circolare incentrato sulla riduzione dell’uso delle risorse e dei consumi. Modello che vede nel microliving una scelta per massimizzare gli ambienti condivisi, accogliendo servizi per i residenti e per la città; un incubatore sociale per il futuro. Un progetto che sfruttando metodi e strumenti di design e sviluppo “4.0” ha reso pieno merito all’idea architettonica.

Il premio per la Sostenibilità (ambientale, economica e sociale) del valore di cinquemila euro, è andato al gruppo Urban Studio mi.ce composto per la circostanza da professionisti provenienti da Lombardia e Campania così come evidenziato dalla sigla presente nel nome del team. Il concept, sensibile al contesto ex agricolo dell’area e a un suo futuro utilizzo non intensivo e speculativo, si coniuga con l’esigenza della digitalizzazione e della produzione 4.0.

Quattro progetti hanno ricevuto una menzione d’onore per il BIM.  Si tratta di: Green Life Circuit realizzato dal Gruppo RMT (Svizzera);  Cross-Generational Center for Knowledge Exchange del Team A2 (Polonia); Manifattura Verde del team G.I.G.S. (Italia); Nemo – Natural Elements for Monza del team Free Lab (Italia)

Al termine della premiazione Daniele M. Cazzaniga, Presidente dell’Organizzatore del concorso ABC – The Architecture BIM Competition ha annunciato la nuova edizione del concorso. ABC | MILANO 2020 si terrà a partire dalla prossima primavera 2020 e avrà come oggetto la rigenerazione urbana di un sito significativo nel territorio di Milano.

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, lavora da molti anni nell’editoria B2B per la stampa tecnica e specializzata. Ha scritto a lungo di tecnologia, business e innovazione. Oggi collabora con diverse testate, riviste specializzate e di cronaca locale, sempre alla ricerca di progetti e realtà da raccontare, da descrivere con curiosità e una particolare attenzione per le idee più innovative.