Zutec: tra i primi ad aver ottenuto il riconoscimento BSI BIM Kitemark

Zutec, società impegnata nella digitalizzazione del settore AEC, è stata tra le prime ad aver ricevuto la nuova BSI Kitemark come software BIM (Building Information Modeling), certificazione che rappresenta lo standard internazionale ISO 19650.

Software BSI BIM Kitemark cosa significa? Il Kitemark è un importante riconoscimento a livello globale per i software BIM, assegnato a seguito di una approfondita valutazione da parte dei professionisti che orbitano attorno all’istituzione BSI (British Standards Institution). I criteri di valutazione che portano un software ad acquisire il Kitemark sono:

  • Funzionalità del prodotto;
  • Sicurezza;
  • Supporto & Sviluppo;
  • Resilienza;
  • Capacità di gestione ed implementazione aziendale.

La certificazione richiede inoltre che la piattaforma venga continuamente aggiornata e perfezionata, mantenendo al contempo un ambiente cloud funzionante, intuitivo e provvisto di servizi di supporto e formazione.
Zutec ha dimostrato di poter fornire un’alta qualità nella gestione dei processi di controllo e una adeguata usabilità, di resistere agli attacchi informatici, di mantenere la continuità del servizio in caso di malfunzionamento degli hardware del server, e di disporre di un solido ed efficiente servizio alla manutenzione.

Ma qual è il valore aggiunto conferito dalla certificazione Kitemark? La metodologia BIM fa parte delle dinamiche del settore AEC ormai da diversi anni, ed è più o meno adottata, in funzione del livello di digitalizzazione nei diversi paesi, tra i professionisti del settore. Ancora oggi però, parlando di BIM, se ne fraintende il vero significato, venendo associato ad esempio alla semplice modellazione 3D di un manufatto o all’utilizzo, in fase di progettazione, di un software BIM. Il concetto di BIM va ben oltre alla mera modellazione 3D o al semplice utilizzo di un software, piuttosto il suo significato può essere associato ad un processo o ad una metodologia di utilizzo. Sebbene il mercato offra svariate soluzioni a supporto della metodologia BIM, non esiste ancora un sistema standardizzato di implementazione. Il BSI Kitemark sta cercando di porre rimedio a questo disagio, fornendo delle indicazioni sulle tipologie di strumenti da adottare per essere conformi agli standard, proponendo un ecosistema di nuove tecnologie come i CDE (Common Data Environment), software per la creazione dei modelli, BIM viewer, soluzioni per il coordinamento dei modelli e per la loro gestione, e altro ancora.

Quanto sopra sottolinea il valore aggiunto nell’utilizzo della piattaforma Zutec. La certificazione Kitemark garantisce e assicura che il prodotto sia stato esaminato in modo indipendente, e che abbia dimostrato di funzionare in modo sicuro, protetto e sostenibile, raggiungendo ottimi risultati in termini di qualità gestionali dei processi BIM. Chi sceglie di adottare Zutec, sceglie di raggiungere i propri obiettivi nel rispetto delle direttive internazionali in materia di BIM imposti dall’Europa, tra cui la ISO 19650. Inoltre, la tendenza ad un continuo sviluppo e miglioramento della piattaforma prevista dal Kitemark, favorisce un approccio sostenibile e volto alla riduzione di sprechi durante tutto il ciclo di vita del progetto.

Con il mercato dei software BIM che diventa sempre più complesso e caotico, la scelta del software giusto diventa una enorme sfida per le aziende che mirano ad un rinnovamento digitale. Grazie al riconoscimento BIM Kitemark, le aziende che scelgono Zutec avranno la garanzia di utilizzare una soluzione all’avanguardia tra le tecnologie del mondo AEC.

La società R2M Solution, in quanto rivenditore esclusivo del software nel mercato italiano, sta preparando un webinar dal titolo: “ZUTEC, la piattaforma cloud per la gestione degli asset: dal progetto alla manutenzione” che si terrà Lunedì 24 Maggio 2021 dalle ore 11.30 alle ore 12.30.

Per la registrazione al webinar utilizzare il seguente link.

 

 

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e nuove iniziative da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.