A Frigerio Design Group il premio Enel per la riqualificazione della centrale di Fusina

Sarà il progetto di Frigerio Design Group a trasformare la ex centrale di Fusina, sulla laguna di Venezia, in un centro socio-culturale per il territorio. Lo studio di architettura è stato proclamato vincitore del concorso bandito da Enel per la riqualificazione della centrale. Enel infatti si impegna a riconvertire tutti gli impianti a carbone presenti sul territorio italiano in strutture ecosostenibili, entro il 2025.

Il progetto selezionato si chiama Resilience Lab Grid e intende trasformare la centrale in un esempio positivo per la rigenerazione e la tutela dell’ecosistema, prevedendo edifici smart e bioclimatici che utilizzano energia da fonti rinnovabili.

In relazione con il paesaggio circostante, Resilience Lab Grid integrerà attività di ricerca, formazione, informazione e riciclo, per stimolare lo sviluppo eco-sostenibile e promuovere la rigenerazione ambientale.

“I nuovi spazi dell’energia sono pensati per rigenerare l’ambiente, valorizzare l’identità e l’immagine dell’azienda, ma al tempo stesso per generare un maggior senso di appartenenza della comunità” – afferma Enrico Frigerio“Coniugare natura e persone, industria e ambiente, innovazione e tecnologia, espressione di una nuova cultura imprenditoriale. Condividere valori per generare valore!”.

È l’elemento geometrico naturale del “frattale” il fattore ispiratore del progetto, che prevede di trasformare gli spazi della ex centrale in un luogo di condivisione, aperto al pubblico e alla comunità, con l’obiettivo di promuovere attività all’insegna della sostenibilità, stimolando la rigenerazione e lo sviluppo socio-culturale ed eco-sostenibile della laguna veneziana.

Partendo dal concetto del frattale – elemento geometrico naturale, la cui forma rimane invariata nel cambiamento della scala delle lunghezze – il progetto di Frigerio mostra una struttura basata su un sistema modulare e implementabile, con edifici di dimensioni differenti a seconda delle funzioni, ma con le medesime caratteristiche. Tutti gli interventi sono pensati con componenti prefabbricati, realizzati con materiali riciclati e riciclabili, ad elevata riflettanza solare, per contribuire ad un abbassamento del surriscaldamento ambientale.

Nucleo centrale generatore e cabina di regia dell’intero sistema è l’Enel Pavilion, luogo di accoglienza, informazione e promozione dei valori aziendali di sostenibilità ambientale, economia circolare e innovazione, nell’ottica di un percorso virtuoso nel campo della riduzione dell’impronta ecologica.

A giocare un ruolo chiave nel contesto lagunare è la vegetazione, che diventa l’anello chiave per un armonico dialogo tra il complesso industriale e l’ambiente naturale. Ricostruire i paesaggi lagunari delle barene diventa quindi un’occasione per raccontare il territorio, promuovendone l’aspetto educativo e contribuendo, al contempo, all’abbassamento dell’isola di calore, alla mitigazione del rumore e all’ottimizzazione del microclima locale.

Si tratta di un progetto nZEB (nearly Zero Energy Building) basato su edifici smart e bioclimatici, che massimizzano gli aspetti energetici passivi per ridurre al minimo gli apporti energetici attivi attraverso l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili.

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, lavora da molti anni nell’editoria B2B per la stampa tecnica e specializzata. Ha scritto a lungo di tecnologia, business e innovazione. Oggi orienta la sua professione nel campo delle tecnologie applicate alla progettazione architettonica e all’imprenditoria delle costruzioni.