HoloSite, la realtà aumentata per l’edilizia

Nel 2017 David Mitchell ha creato la società XYZ Reality per sviluppare un visore di realtà aumentata (AR) per l’edilizia che consente a coloro che lavorano su un grande progetto di costruzione di vedere i piani, proiettati in 3D a grandezza naturale, di fronte a loro con un margine di errore di solo 5mm.

I costruttori possono vedere un ologramma del progetto 3D sovrapposto all’opera così come viene costruita, HoloSite, come viene chiamata la tecnologia, consente di segnalare prima i problemi e risolverli tempestivamente riducendo i costi di modifiche ed errori. Secondo Mitchell gli strumenti tradizionali come anche il laser scanner BIM, sono focalizzati su un metodo reattivo in cui si rimedia ad un danno già fatto. Con Holosite, invece, l’azienda di costruzioni può anticipare l’errore.

Questa tecnologia ha già convinto molti investitori e adesso Mitchell sta lavorando con l’University College London (UCL) per adattare il proprio sistema in modo specifico alla costruzione di ospedali.Uno dei progetti in cui viene utilizzato HoloSite è la costruzione di un data center da 300 milioni di sterline in Danimarca. Questo sistema è in grado di posizionare un ologramma sul sito di costruzione con una precisione millimetrica.

mm

Giornalista professionista della redazione di BIMportale, dopo i primi anni a rincorrere notizie di cronaca e attualità ha deciso di fermarsi per seguire più da vicino il mondo dell’architettura e del design. Collabora con diverse testate di questo settore alla ricerca di progetti e nuove iniziative da raccontare e descrivere con una particolare attenzione alle idee più innovative approfondendo anche tematiche legante al rispetto dell’ambiente e alle fonti rinnovabili.