Ilka May: “digital twin”, modelli digitali per la manutenzione e gestione del costruito

Ilka May può essere definita uno dei massimi esperti di BIM a livello internazionale. Dopo dieci anni in Arup come Direttore Associato, dal 2015 è stata presidente di “Planen-Bauen 4.0” e ha guidato lo sviluppo di una BIM RoadMap strategica per la Germania; oggi è Amministratore Delegato di LocLab Consulting e co-presidente dell’UE BIM Task Group a Bruxelles, organo per lo sviluppo di un quadro di riferimento comune per il BIM in tutta l’Unione Europea che ha portato alla pubblicazione dello “Handbook for the Introduction of Building Information Modelling by the European Public Sector”.

L’abbiamo intervistata in occasione della presentazione del “digital twin”, la copia digitale dinamica della Stazione Centrale di Milano che i consulenti tecnici di BIM Italy hanno realizzato in collaborazione con Cresme, Harpaceas, in2it e appunto la tedesca LocLab Consulting.

Quali sono i vantaggi reali dell’utilizzo del BIM nella gestione e manutenzione delle infrastrutture?

L’Europa sta vivendo un problema di controllo e manutenzione dovuto principalmente all’età delle nostre infrastrutture che richiedono una più attenta gestione. A livello operativo quindi risulta sempre più necessario poter disporre di database completi che siano in grado di offrire le informazioni necessarie al la corretta manutenzione del patrimonio infrastrutturale. Molte delle amministrazioni dei nostri Paesi non hanno al momento a disposizione abbastanza informazione sulle strutture che hanno e gestiscono, con il BIM è possibile avere dati alla mano che possono essere aggiornati in tempo reale e riescano quindi a prevenire errori.

Qual è l’approccio di LocLab Consulting?

LocLab Consulting è un team di esperti specializzati nella digitalizzazione del settore delle costruzioni. Abbiamo molti anni di esperienza nel Building Information Modeling e nell’industria del gaming. Creiamo modelli 3D semantici e volumetrici di edifici, infrastrutture e componenti tecniche di tipo interattivo, indipendenti dal software e interamente realizzate secondo le specifiche del cliente.

Per quanto riguarda i “digital twins”, creiamo copie virtuali di edifici e spazi del mondo reale, tridimensionali, tecnicamente perfetti e incredibilmente reali. I gemelli digitali sono sempre più utilizzati in molti settori, principalmente nei trasporti, energia, nucleare, telecomunicazioni, marittimo, aviazione e sicurezza. Una vasta libreria di oggetti è il cuore della nostra tecnologia, che contiene rappresentazioni digitali di oggetti del mondo reale. Abbiamo iniziato 15 anni fa, ora contiene una grande quantità di arredo urbano, componenti per l’edilizia, materiale ferroviario, oggetti tecnici, materiali provenienti da tutto il mondo. Dalle sole fotografie standard riusciamo a generare modelli 3D di alta qualità. Il nostro approccio consiste nell’utilizzare programmi e tecnologie che derivano dal mondo del gaming e della realtà virtuale e grazie a queste innovazioni siamo in grado di riprodurre gemelli digitali di edifici esistenti.

Questi gemelli digitali in che modo possono aiutare la manutenzione delle infrastrutture e del costruito?

I modelli tridimensionali possono essere collegati a qualsiasi dato o informazione per questo possono facilitare la gestione e la manutenzione di un edificio e di una infrastruttura. È possibile ad esempio collegare il digital twin a informazioni di carattere energetico e che quindi possono monitorare il consumo di energia e i costi ad esso collegati. Una volta analizzati questi dati si possono mettere in atto azioni rivolte ad un maggior risparmio di risorse verso una più attenta sostenibilità.

mm

Giornalista della redazione di BIMportale, professionista della comunicazione e del marketing per il settore AEC – Architetture Engineering & Construction. Ha lavorato per molti anni nell’editoria B2B dirigendo una delle principali testate specializzate per l’industria delle costruzioni, per la quale è stato autore di numerosi articoli, inchieste e speciali. Durante questa lunga esperienza editoriale ha avuto modo di vivere e monitorare direttamente l’evoluzione del settore e la sua continua trasformazione, lavorando a stretto contatto con i principali protagonisti del mercato: imprese edili, progettisti, committenti, produttori. Su tali premesse nel 2007 ha fondato l’agenzia di comunicazione e marketing Sillabario, che si occupa delle attività di comunicazione e ufficio stampa di importanti marchi industriali del settore delle costruzioni.