Il Master BIM dell’Università degli Studi di Firenze

Il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze per l’anno accademico 2019/2020 propone il Master di secondo Livello dal titolo: “BIM per la gestione di processi progettuali collaborativi in edifici nuovi ed esistenti” che si fonda sulle esperienze didattiche e di ricerca maturate da tempo da un gruppo di docenti e ricercatori nell’area dell’Architettura, dell’Ingegneria Civile e dell’Ingegneria Industriale.

Il corso Master si propone di formare figure professionali nell’ambito dell’AEC (Architecture, Engineering Construction and Operation) in grado di gestire l’informazione e operare all’interno di processi BIM-based nelle varie fasi del ciclo di vita di un edificio o di una infrastruttura (Design, Construction, Operation, Dismiss). In particolare la partecipazione agli odierni processi integrati di progettazione e costruzione, anche alla luce della recente normativa italiana degli appalti pubblici sulla digitalizzazione delle costruzioni (560/2017), rende sempre più necessaria per i numerosi soggetti coinvolti, la capacità di sviluppare e coordinare le proprie attività in ambienti di “lavoro collaborativo”, basati sulla produzione, gestione e comunicazione dell’informazione attraverso gli strumenti della modellazione BIM. Coordinatore del Master è il Prof. Carlo Biagini. Periodo di svolgimento del corso: febbraio 2020-gennaio 2021.

Il piano formativo prevede un suddivisione in moduli didattici, che affrontano i differenti aspetti della modellazione BIM, seguendo lo sviluppo del ciclo di consegna dell’informazione (IDC – Information Delivery Cycle), che si svolge parallelamente a quello di vita dell’opera. In particolare verrà focalizzato l’interesse sui seguenti aspetti:
– individuazione dei requisiti di informazione del committente in rapporto ai BIM Use; definizione del BIM Execution Plan (BEP) per la pianificazione, gestione e controllo delle varie fasi di sviluppo della progettazione BIM-based; le nuove figure professionali coinvolte nel workflow BIM;
– creazione di modelli BIM nell’ambito di processi di progettazione integrata in ambienti di lavoro collaborativo (ACDat): implementazione di modelli federati sia orizzontalmente per settore disciplinare (architettura, struttura e impianti), che verticalmente per livelli di approfondimento di progetto e costruzione (fattibilità, definitivo, esecutivo, costruttivo, as-built, ecc.);
– tecniche di acquisizione dei dati e recupero delle informazioni per lo sviluppo di modelli BIM di edifici esistenti;
– gestione dell’informazione BIM nelle varie fasi di funzionamento e manutenzione dell’edificio (O&M).

Al fine di valorizzare le competenze acquisite dagli studenti durante il Corso Master, il Dipartimento di Architettura ha stipulato con l’Istituto ICMQ (Certificazioni e controlli per le costruzioni) un accordo di collaborazione per la certificazione di esperti BIM ai sensi della norma UNI 11337-7 (Requisiti di conoscenza, abilità e competenza delle figure coinvolte nella gestione e nella modellazione informativa).
La certificazione è infatti uno strumento, che consente al professionista di far emergere la propria offerta nel mercato delle costruzioni attraverso il riconoscimento delle proprie competenze da parte di un organismo di terza parte indipendente. Gli studenti del Master al termine del corso potranno pertanto accedere a costi convenzionati, all’esame di certificazione per il profilo BIM Specialist previsto dalla norma UNI 11337-7. Qualora i candidati possano dimostrare una maggiore esperienza lavorativa in area tecnica (di 3 o 5 anni), oltre a un anno di esperienza specifica, rispettivamente nel ruolo di BIM Coordinator o Manager, potranno accedere all’esame per la certificazione di questi profili professionali.

Maggiori informazioni a questo link

mm

Giornalista della redazione di BIMportale, professionista della comunicazione e del marketing per il settore AEC – Architetture Engineering & Construction. Ha lavorato per molti anni nell’editoria B2B dirigendo una delle principali testate specializzate per l’industria delle costruzioni, per la quale è stato autore di numerosi articoli, inchieste e speciali. Durante questa lunga esperienza editoriale ha avuto modo di vivere e monitorare direttamente l’evoluzione del settore e la sua continua trasformazione, lavorando a stretto contatto con i principali protagonisti del mercato: imprese edili, progettisti, committenti, produttori. Su tali premesse nel 2007 ha fondato l’agenzia di comunicazione e marketing Sillabario, che si occupa delle attività di comunicazione e ufficio stampa di importanti marchi industriali del settore delle costruzioni.